CIANCIANA.INFO - Il portale su Cianciana by Paolo Sanzeri -Storia, Cultura, Architettura, Turismo, Cronaca ed altro - Acqua: Panepinto, oltre 90 comuni contrari a privatizzazione in Sicilia.

 

 

 

Home arrow Per l'acqua pubblica arrow Acqua: Panepinto, oltre 90 comuni contrari a privatizzazione in Sicilia.
Advertisement

Libro: Sant'Antonino di Cianciana, storia di una città di nuova fondazione

Advertisement
Advertisement
Advertisement

Webcam Cianciana

Advertisement
Advertisement
Advertisement

Cerca

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement

Per l'acqua pubblica

Per l'acqua pubblica
Radio
Radio Capital
Radio Deejay
Advertisement

Immagine casuale

__logo.jpg

Articoli in lingua inglese

Advertisement

Articoli in lingua russa

Advertisement

Mappa interattiva

Advertisement

Festa di San Giuseppe

Advertisement

carta turistica informativa

Advertisement
Acqua: Panepinto, oltre 90 comuni contrari a privatizzazione in Sicilia. PDF Stampa E-mail
Scritto da agrigentoflash.it   

08/07/09. “Oltre 90 amministrazioni comunali siciliane si oppongono apertamente alla privatizzazione dell’acqua”. Lo dice Giovanni Panepinto, deputato regionale del PD e sindaco di Bivona (Ag), promotore dell’incontro sulla gestione dell’acqua in Sicilia che si è tenuto ieri a Palazzo dei Normanni, a Palermo.

“L’adesione di un numero così alto di comuni al progetto per ‘tutelare l’acqua come bene pubblico’ - aggiunge Panepinto - è un segnale importante. Le nostre battaglie contro la privatizzazione andranno avanti con nuovo vigore, è impensabile speculare su un bene primario come l’acqua”.

All’incontro erano presenti il presidente dell’Ars Francesco Cascio, i presidenti dei gruppi parlamentari Antonello Cracolici (PD), Lino Leanza (Mpa), Innocenzo Leontini (Pdl), Rudy Maira (Udc).

Presenti all’iniziativa i rappresentanti di numerose amministrazioni comunali che hanno aderito all’iniziativa: Agrigento, Ribera, Palazzo Adriano, Burgio, Menfi, Licodia Eubea, Militello, Biancavilla, Valledolmo, Marineo, Ippolo Giancaxio, Palma di Montechiaro, Sant’Angelo Muxaro, Trabia, Marianopoli, Santa Elisabetta, Petralia Sottana, Regalbuto, Ravanusa, Blufi, Leonforte, Milena, Valguarnera, Sclafani Bagni, Scillato, Caltavuturo, Centuripe, Bisacquino, Itala, Mazzarino, Poggioreale, Biancavilla, Santa Ninfa, Saponara, Mazara del Vallo, Isnello, Montevago, Ficarazzi, Camporotondo, Contessa Entellina, Altofonte, Aragona, Cammarata, San Piero Patti, Salemi, Burgio, Bivona, Collesano, Maletto, Milo, Vittoria, Misterbianco, Castellana Sicula, Troina, Riposto, Giarre, Mascali, Fiumefreddo, Calatabiano, Santa Venerina, Zafferana, Sant’Alfio, Piedimonte, Linguaglossa, Mariale, Castiglione, Randazzo, Santa Maria di Eubea, Geraci Siculo, Gangi, Melilli, Grotte, Torretta, Bompietro, Alessandria della Rocca, San Teodoro, Sambuca di Sicilia, Cianciana, Prizzi, Chiusa Sclafani, Santa Margherita Belice, Alia, Camporotondo, Polizzi, Roccamena, Camastra, Realmonte, Santa Caterina Villaermosa, Militello Val di Catania, Licata, Ciminna. C’era anche Santo Stefano Quisquina, rappresentato dal Sindaco Ing. Leto Barone, dal Presidente del Consiglio Ing. Cardinale e dal capogruppo di maggioranza, dr. Ferraro..

 
< Prec.   Pros. >