CIANCIANA.INFO - Il portale su Cianciana by Paolo Sanzeri -Storia, Cultura, Architettura, Turismo, Cronaca ed altro - La miniera di Falconera a Cianciana, tra passato e presente: Dall’agricoltura allo zolfo.

 

 

 

Home arrow Miniere di Zolfo arrow La miniera di Falconera a Cianciana, tra passato e presente: Dall’agricoltura allo zolfo.
Advertisement

Libro: Sant'Antonino di Cianciana, storia di una città di nuova fondazione

Advertisement
Advertisement
Advertisement

Webcam Cianciana

Advertisement
Advertisement
Advertisement

Cerca

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement

Per l'acqua pubblica

Per l'acqua pubblica
Radio
Radio Capital
Radio Deejay

Immagine casuale

__logo.jpg

Articoli in lingua inglese

Advertisement

Articoli in lingua russa

Advertisement

Mappa interattiva

Advertisement

Festa di San Giuseppe

Advertisement

carta turistica informativa

Advertisement
La miniera di Falconera a Cianciana, tra passato e presente: Dall’agricoltura allo zolfo. PDF Stampa E-mail
Scritto da Anna La Corte   

Sample Image    All’indomani della Restaurazione, in campo economico, il primo a regredire fu il grano. La Sicilia intorno al XVIII secolo aveva esportato più di 60.000 tonnellate di grano e dopo il 1818 le spedizioni verso i mercati esteri crollarono al di sotto delle 2000 tonnellate. I suoi sbocchi si limitavano ormai alla parte continentale del Regno delle Due Sicilie. L’antico «granaio del Mediterraneo» del XVI secolo era stato tagliato fuori dal mercato mondiale.

 

All’indomani della Restaurazione, in campo economico, il primo a regredire fu il grano. La Sicilia intorno al XVIII secolo aveva esportato più di 60.000 tonnellate di grano e dopo il 1818 le spedizioni verso i mercati esteri crollarono al di sotto delle 2000 tonnellate. I suoi sbocchi si limitavano ormai alla parte continentale del Regno delle Due Sicilie. L’antico «granaio del Mediterraneo» del XVI secolo era stato tagliato fuori dal mercato mondiale.

Sarà lo zolfo a prendere il posto nel commercio esterno che per secoli era stato occupato dal grano. Noto è l’enorme bacino, detto dai geologi altipiano gessoso-solfifero, che ricopre una vasta area dell’entroterra siciliano, estendendosi in direzione NE-SW su una superficie di più di cinquemila kmq, occupa gran parte della provincia di Agrigento, Enna e Caltanissetta costituendo uno dei bacini minerari più importanti d’Europa.

Lo sfruttamento dello zolfo si era modellato entro le strutture economiche del latifondo cerealicolo, di cui aveva utilizzato il sottosuolo padronale. Del latifondo la cultura dello zolfo riproduceva la debolezza e l’arcaicità dell’attrezzatura, della tecnologia, affitto di piccoli appezzamenti con il contratto a gabella, retribuzioni minime e condizioni di sfruttamento assurde (Aymard, 1987[1]).



[1] Aymard M. e Giarrizzo G., Storia d’Italia, Le regioni dall’Unità ad oggi, la Sicilia, Einaudi ed., Torino, 1987, p. 15.

 

La Miniera di Falconera uno Cianciana, Tra passato e presente. Visivi Documeni e testimonianze. Tesi di laurea di: Anna La Corte. Anno accademico 2008-2009.

 
< Prec.   Pros. >