CIANCIANA.INFO - Il portale su Cianciana by Paolo Sanzeri -Storia, Cultura, Architettura, Turismo, Cronaca ed altro - Intervistati alcuni ex minatori Ciancianesi.

 

 

 

Home arrow Miniere di Zolfo arrow Intervistati alcuni ex minatori Ciancianesi.
Advertisement

Libro: Sant'Antonino di Cianciana, storia di una città di nuova fondazione

Advertisement
Advertisement
Advertisement

Webcam Cianciana

Advertisement
Advertisement
Advertisement

Cerca

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement

Per l'acqua pubblica

Per l'acqua pubblica
Radio
Radio Capital
Radio Deejay

Immagine casuale

__logo.jpg

Articoli in lingua inglese

Advertisement

Articoli in lingua russa

Advertisement

Mappa interattiva

Advertisement

Festa di San Giuseppe

Advertisement

carta turistica informativa

Advertisement
Intervistati alcuni ex minatori Ciancianesi. PDF Stampa E-mail
Scritto da Paolo Sanzeri   

Sample Image  

Sample Image

   29/03/11: Sabato, 26/03/2011, si sono effettuate delle interviste a vecchi minatori ciancianesi.  Tale attività è stata organizzata nell’ambito del Servizio del Museo Civico, al fine di raccogliere testimonianze per  implementare i servizi dati all’utenza e nell’ambito dell’ampliamento del settore museale dedicato alla miniere di zolfo.

 

Sample Image

 

Il gruppo che ha effettuato le interviste e le relative riprese video e sonore era costituito dal regista Raimondo Moncada, dallo storico Dott. Michele Iacono e dal cameramen e fonico Fabio Fabiano. Le testimonianze, sia dei minatori ciancianesi che degli altri paesi ex minerari della Provincia di Agrigento, costituiranno il ricordo della memoria, ricordi che saranno messi a disposizione mediante la distribuzione del lavoro, mediante filmato, alle biblioteche al fine di mantenere viva “l’epopea dello zolfo”.

 

Nella mattinata sono stati intervistati i vecchi minatori, i Signori: Antonino Schembri e Alfonso Montalbano. Non si è proseguito ad intervistare altri soggetti in quanto sia il Signor Schembri che il Signor Montalbano hanno occupato il tempo a disposizione per cui in altra data, da definire, il lavoro d’intervista sarà continuato.

 

Gli intervistati hanno recuperato dalla loro memoria diversi episodi e lo stile di vita sia del caruso che del picconiere. Inoltre hanno descritto il processo lavorativo svolto in miniera.

 

A fine mattinata anche il direttore del museo, l’arch. Paolo Sanzeri, ha dato notizia di quello che l’amministrazione comunale sta programmando per lo sviluppo del settore turistico legato alla storia  mineraria  di Cianciana.

 

Ha ripreso l’esperienza fino ad oggi effettuata che ha portato al 31 maggio 2008 all’apertura del Museo. Ha anche descritto i processi di ampliamento ad oggi portati avanti che vedrà nel breve periodo l’apertura della sezione mineraria presso gli ex locali del Convento Francescano e nel lungo periodo la ristrutturazione delle prime infrastrutture presenti nella ex miniera “Giudice-Pipitone-Stradella.

 L’Arch. Sanzeri ha evidenziato che: “Il recupero della memoria, delle strutture architettoniche di archeologia industriale, delle attività legate alla cultura materiale del tempo, sia minerarie che ad esse connesse, costituiscono un'eccezionale occasione di “progettazione integrata”, caratterizzata da una complessa sintesi tra obiettivi di recupero paesistico, di restauro, fruizione e valorizzazione dei Beni Etno-Antropologici, con conseguente sviluppo del “turismo culturale” e dello sviluppo sostenibile.”

 Il recupero delle aree minerarie comprensive delle infrastrutture esterne ed interne al sottosuolo sarà un importantissimo obiettivo per la crescita economico – culturale di Cianciana”.

Infatti il Comune dopo la predisposizione del progetto preliminare: "Valorizzazione area archeologica Ciancianìa, area archeologica industriale miniere di zolfo e realizzazione area museale all’interno del centro urbano con realizzazione itinerario Turistico", per l'importo di euro 1.200.000/00, ha già definito il progetto definitivo che è stato già presentato, all’interno della seconda finestra, per richiedere il relativo finanziamento a valere sui fondi PO FESR 2007/2013, all'interno dell'asse VI “Sviluppo urbano sostenibile”all’interno del PIST  “Terre Sicane” che vede la coalizione di 22 comuni. Progetto che ha superato l’istruttoria tecnica da parte degli uffici regionali e si è in attesa del completamento dell’iter istruttorio degli altri progetti del PIST.

 
< Prec.   Pros. >