CIANCIANA.INFO - Il portale su Cianciana by Paolo Sanzeri -Storia, Cultura, Architettura, Turismo, Cronaca ed altro - Poesia: “ Il sesso degli angeli “.

 

 

 

Home arrow Cultura arrow Poesia: “ Il sesso degli angeli “.
Advertisement

Libro: Sant'Antonino di Cianciana, storia di una città di nuova fondazione

Advertisement
Advertisement
Advertisement

Webcam Cianciana

Advertisement
Advertisement
Advertisement

Cerca

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement

Per l'acqua pubblica

Per l'acqua pubblica
Radio
Radio Capital
Radio Deejay

Immagine casuale

__logo.jpg

Articoli in lingua inglese

Advertisement

Articoli in lingua russa

Advertisement

Mappa interattiva

Advertisement

Festa di San Giuseppe

Advertisement

carta turistica informativa

Advertisement
Poesia: “ Il sesso degli angeli “. PDF Stampa E-mail
Scritto da D. Bongiovanni   

 Lungo il fiato di un vento salato si arriva a destinazione….

Nella memoria navigo…

“ Il sesso degli angeli “  

Lungo il fiato di un vento salato si arriva a destinazione….

Nella memoria navigo…

attraverso il giusto equilibrio…

sopra le nuvole i vuoti portano a Dio.

Parentesi umana,

uomini di nome d’arteuomini sciolti nel vino…

pane da rifare le labbra…

Il limite merita una dissolvenza….

Le lacrime un volto…..

Esaminatore dei particolari….

‘’Restauratore eclettico di stelle cadenti’’

Io eseguo il mio.per una danza antica….

Dove giungono le aquile prima di partire….

Manoscritto illogico la mia stesura di piume…

vernice rossa Sulle ali bianche….

Sangue e veleno da masticare….

Punta di pietra dura la lingua…

assaggio il sole e brucio la carne….

L’ermetismo naufrago di un errore perfetto

Diventa parola elastica del poeta afflitto…

dipingo la carne e classifico l’eternità. 

Occhi dipinti a mano….

Sono distante da tutto…

vicino alla silenziosa cera di una candela in natura morta…

foglie,frutti e paura di morire… 

’l’arte è il sesso degli angeli’’

Il male è un sadico che non ha niente da dire….

uomini che non vengono ascoltati….

Sulla ruga maestosa di un vecchio passante del mare,

ho visto la vena del cuore….

Il battito di una festa errante…

Io godo di una miscela di luci,

perché gioisco del mio naturale inventareil candore… 

una passerella di chiodi brillanti…

metalli perfetti…

una maschera che arricchisce il teatro...

Bisogna accarezzare la notte prima di andare a dormire,

perché il sonno di chi ama la vita è un calice di buona fortuna… 

Spicco il volo….

E ritorno da te…. 

Nelle mani tue..

L’acqua silente diamante.  

Il paesaggio è la cultura degli occhi…

Il pianista sul tasto dolente…. 

Giudico attraverso.

Di dedica alle vittime del peccato

Vive il dramma di un poema di spine. 

Fioriscono le ragioni.

 
< Prec.   Pros. >