CIANCIANA.INFO - Il portale su Cianciana by Paolo Sanzeri -Storia, Cultura, Architettura, Turismo, Cronaca ed altro - Le donne e la zolfara.

 

 

 

Home arrow Miniere di Zolfo arrow Le donne e la zolfara.
Advertisement

Libro: Sant'Antonino di Cianciana, storia di una città di nuova fondazione

Advertisement
Advertisement
Advertisement

Webcam Cianciana

Advertisement
Advertisement
Advertisement

Cerca

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement

Per l'acqua pubblica

Per l'acqua pubblica
Radio
Radio Capital
Radio Deejay

Immagine casuale

__logo.jpg

Articoli in lingua inglese

Advertisement

Articoli in lingua russa

Advertisement

Mappa interattiva

Advertisement

Festa di San Giuseppe

Advertisement

carta turistica informativa

Advertisement
Le donne e la zolfara. PDF Stampa E-mail
Scritto da Francesco Cannatella   

 Richiamare alla memoria le donne che hanno lavorato nella zolfara è segno di riconoscenza ed ancor più restituire verità storica e sociale alle tante figure femminili che nella zolfara hanno visto sfiorire la propria adolescenza e frantumarsi i giovanili sogni e le speranze. 

Di zolfara si parla sempre al maschile: pirriaturi, capumastru, furnaru, inchituri, vaguranaru, ma la miniera è stata anche triste storia di miseria, di sfruttamento e di negazione della dignità delle donne.

La carusa, sia lecito il termine come femminile di carusu, nel XIX secolo, assieme ai picconieri, furono le protagoniste dell’industria zolfifera siciliana, le cui attività erano svolte solo con lavoro manuale e senza alcun aiuto di macchine. Ancora nel 1962, l’energia elettrica non era arrivata nelle miniere di Cianciana. Unico strumento tecnico, il cosiddetto pianu nclinatu 

Una piramide rovesciata la zolfara, il vertice sopportava l’enorme peso di quanti da essa traevano, anche, agi e ricchezza.  Pirriaturi, carusu e carusa erano gli ultimi anelli di una catena di disperati che rischiavano la vita per strappare alle visceri della terra un tozzo di pane quotidiano. Il picconiere: ardito, forte, coraggioso, era l’anima della pirrera, mentre i carusi, maschi e femmine, costituivano l’umile e paziente spina dorsale.  

A fine ottocento il salario di un carusu era di lire 1,25 mentre per una carusa bastavano lire 0,85, meno dell’equivalente del costo di un chilo di pane.

 Le donne venivano assunte in miniera con salari più bassi di quelli, già minimi, dei carusi. Il minore salario, che ricevevano, corrispondeva, secondo una logica economica inoppugnabile, alle più basse capacità produttive. Esse erano infatti capaci di trasportare un minor quantitativo di minerale rispetto agli uomini e venivano impiegate per il trasporto all’esterno della pirrera, ma, talvolta, esse venivano adibite anche all’interno. 

Le braccia in miniera non erano mai bastevoli e fu per questo motivo che i picconieri impiegarono la forza e la vigoria dei carusi per trasportare il materiale estratto dal fondo della miniera in superfice e le caruse per completarne il trasporto esterno fino alla fornace. 

 Le donne impiegate nelle miniere agrigentine, nel periodo 1898 - 1903, erano 160 di cui 98 sotto i 15 anni.   Di queste donne, 90 lavoravano nelle zolfare di Cianciana. Da tener presente che dai dati ufficiali sfuggivano di regola grandissima parte delle interessate. Far lavorare in nero è abuso di antica data. Il fenomeno oggi appare scandaloso, soprattutto per i commenti e le giustificazioni dell’Ufficio delle Miniere di Caltanissetta, riportati da Antonio di San Giuliano.

 “Nelle zolfatare di Cianciana vengono impiegate fanciulle dai 9 ai 16 anni che per una mercede che varia da centesimi 40 a 60, lavorano da 10 a 12 ore al giorno all’esterno e da 7 ad 8 ore all’interno, portando in testa un peso massimo equivalente a quello che porta nella Colonia Eritrea un portatore abissino. Il richiamo è al colonialismo italiano ed i kg erano circa 10, ma il peso dipendeva da lu inchituri, l’operaio che riempiva le ceste di vimini, intrecciate con canne fesse. Osservava però l’Ufficio delle Miniere che “il divieto costringerebbe a languire nella miseria queste fanciulle che, private del lavoro delle miniere, non troverebbero forse altra occupazione nel piccolo comune di Cianciana”.

Cosa dovesse significare per una ragazzina sotto i 15 anni lavorare al buio della pirrera, o all’aperto, impiegata in lavori pesantissimi, lo si può immaginare, anche con l’aiuto di Alessio Di Giovanni che in maniera schematica ci offre il ruolo morale e sociale della donna lavoratrice delle miniere nel personaggio di Gesa, in Gabrieli lu carusu. 

 Le donne nella zolfara subivano, in aggiunta a tutti i malanni che spettavano gli uomini: frane, incendi e scoppi, anche ulteriori disagi e disturbi patologici.  Le nubili erano cloro-anemiche ed amenorroiche, mentre le maritate presentavano frequenti interruzioni della gravidanza, aborti, parti prematuri e nati morti. Comuni erano le deformazioni scheletriche, il ritardo nello sviluppo della pubertà. Alla lunga apparivano invecchiate, quasi avessero perso la loro umanità, ma il loro disumano sfruttamento non suscitò alcuna voce ufficiale di difesa, solo nel 1874 e per la prima volta, la legge stabilì che non si potevano assumere donne in miniera nè i minori di dodici anni. Legge cartacea che non trovò applicazione. La regola socialmente praticata ed accettata era lu succursu mutu: lu pirriaturi anticipava del denaro alle famiglie che gli mettevano a disposizione la forza lavoro dei propri figli ed egli, avendo pagato, diveniva padrone degli infelici carusi che considerava robba sua, proprietà da utilizzare e da usare, anche immoralmente, per tutto il tempo pattuito. 

 Nel 1934, una nuova legge vietò alle donne ed ai carusi di età inferiore ai 16 anni di calarsi all’interno delle zolfare. Un’altra legge cartacea. C’erano voluti decenni ed alla fine lo Stato si era rifatto vivo, ma le donne da tempo avevano abbandonato le miniere ed i carusi continuarono ad essere gli adolescenti di sempre. 

Oggi, credo che una donna, una figura femminile, sia da aggiungere al gruppo di zolfatari, realizzato dal maestro Vincenzo Chiazza e posto nella Villa Comunale di Cianciana.  Una carusa, silenziosa ed eroica compagna di fatica degli uomini, renderebbe più veritiera la scena e sarebbe giustizia, resa alle donne, anche perchè Gesa non continui il disperato: pi li poviri nun c’è giustizia nti stu munnu. 

*** 

A Cianciana vivono ancora parecchie persone che hanno vissuto esperienze di lavoro nella zolfara, gente eroica nella sopportazione di una vita di stenti e di fatiche. Una di esse è il signor Angelo Montalbano che nella pirrera ha vissuto gli anni della fanciullezza e della maturità: carusu, poi inchituri ed infine pirriaturi

 Riporto di seguito, tratta da una serie di conversazioni sul tema, la trascrizione della sua memoria del primo giorno di carusu di surfara ed una sua poesia A mia la scola assà mi piaciva. 

 Carusu di surfara 

Quannu i avia ott’anni, a lu millinovicentuquarantunu, iva a la terza classi di li scoli elementari nta lu prevessuri Abati, ma l’annu nun lu potti cumpritari pirchì me patri era pirriaturi a la surfara Giudici Pipituni Stratella e, na iurnata, lu capumastru Grecu cci dissi:- O ti cerchi lu carusu o lunidìa senza calari.

A ddru tempu lu pirriaturi s’avia a circari lu carusu, vasinnò ristava a spassu. Me patri detti palora pi vìdiri siddru putiva truvari un picciottu, dispostu a calari cu iddru a la surfara ma nun lu potti truvari. Allura, datu ca tutta la famiglia mangiàvamu cu lu so travàgliu, mi dissi:- Figliu miu, nun àiu chi ti fari, lenta la scola cà ti nn’à viniri cu mia a la surfara.           

 Me matri, dispiaciuta, a la dumìnica m’allistì la chiumazzata e mi fici la birritteddra. Lu lùnidi, me patri m’addriviglià a li cincu di matina. I a ddr’oràriu nun c’era abituatu, mi susivu, talïavu fora e ancora lu scuru si fiddrava. A li cincu e mezza nni mìsimu a la via pi li surfari nti lu viòlu di lu Passareddru. Faciva friddu e i era cchiù addrummisciutu ca viglianti. Strata strata, nnavanti e narrè, vidiva tanti atri surfarara. Accussì di na matina a n’atra passavu d’addrevu di scola a carusu. A li se, trasemmu intra la pirrera, me patri, a lu scinniri lu primu scaluni, mi dissi di fàrimi la cruci, addrumà la citalena e cuminciammu a scìnniri la scala. Nni firmammu ntôn postu, unni la galliria era larga, nni cangiammu li robbi e nni mìsimu chiddri di travàgliu. Li scarpi mi li livavu, intra la minera nun s’usàvanu, si caminava scazi pirchì un paru di scarpi custàvanu grana. Ripigliammu a scìnniri e a li se e mezza arrivammu a lu locu, lu frunti d’avanzamentu di la galliria. Me patri mi sistimà la birritteddra n testa, la chiumazzata ncapu li spaddri e lu tistirinu a la frunti. Ddrassutta truvammu già ad Angilu Pulizzi, chi faciva lu inchituri, mi fìciru apparari lu saccu e Angilu cu du zappunati lu inchì, mi mparà ad attaccallu e m’aiutà a carricarimillu ncapu li spaddri. Lu saccu di tri parmi, fùssiru settantacincu centimitri, era lu cchiù nicu, si usava pi li carusi di la me età e pisava na vintina di chila. Parsi ca mi carricaru lu munnu ncapu li spaddri! Cu la mani diritta tiniva lu saccu, a la manca cci agganciavu la citalena e partivu appressu a Totu Lu Mònacu, un carusu, vècchiu di surfara, chi mi faciva di scola ddru primu iornu. I nun avià comu sistimàrimi ddru saccu pi sèntiri cchiù picca duluri, lu matriali vozza vozza pàrica m’appizzava nta li spaddri. Lu passava di ccabbanna a ddrabbanna senza putiri pigliàri abbentu. Avia la spaddra frisca e pisu nun n’avia suppurtatu mai. Un turmentu! Li pedi m’abbrusciàvanu, abituati a li scarpi, appena si pusàvanu nudi e senza riparu ncapu quarche rocca mi facìvanu mali e s’arrunchiàvanu. Pinzavu a la scola, assittateddru nta lu vancu! Comu vozi Dì, arrivavu a scarricari nta un postu unni cc’èranu tanti celli. Ogni carusu avia la so cella e cci scarricava lu matriali chi purtava[1]. Totu mi mparà, pi evitari ca quarche atru carusu putissi arrubbari lu me matrïali, comu fari ncapu lu munzeddru na cruci cu la fumazzata di la citalena, accussì siddru mancava un tozzu o anchi quarche rasagliuni[2] a mumentu si vidiva. Nun mi ricordu cchiù quantu viàggia fici, a ddru scuru scuru lu tempu nun passava mai. A l’ùnnici, lintammu di travagliàri e cu tutti l’atri surfarara mi ivu âssittari nta u slargu, senza nèsciri fora all’ària aperta. Pigliammu un masticuni, pani e passuluna d’aulivi, e nn’arripusammu mezz’ura. Sta mezz’ura di riposu era a spisi di li surfarara, voli diri ca nun si cuntiggiava nti la iurnata. A l’ùnnici e mezza, èramu arrè a la guerra: me patri a picunïari pi strazzari sùrfaru, Angilu a ìnchiri sacchi e i a carrïari cu l’atri carusi. Si travagliàva ott’uri, lintammu a li tri di pomerìggiu. Mi parsi un sèculu ddra iurnata. Mi facivanu mali li gammi, li vrazza mi li sintiva stuccati, li pedi mi friìvanu e l’avia tantu nnilicatuti ca mancu li putiva cchiù appuiari n terra. Li spaddri mancu a parlàrini, mi dulìvanu comu siddru m’avìssiru mazzïatu c’un vastuni. Nni cangiammu li robbi e, nta lu nèsciri di la pirrera, nni fìcimu la cruci pi ringrazzïari lu Signuri ca ddra iurnata nn’avia scanzatu di prìculi. Quannu niscivu fora e vitti lu Suli, pi tanticchia nun potti tèniri l’occhi aperti e mi l’arriparavu cu la mani. Partemmu pi lu paisi, n’atra bona caminata di mezz’ura abbunnata a l’appedi cu n’atra prucissioni di surfarara. Arrivata intra mi ittavu pi mortu ncapu la sèggia. Me matri mi talià li spaddri cu li làcrimi a l’occhi, vidennumilli unni russi, unni nivuri. A mumentu priparà l’ògliu sbattutu[3], cci vagnà na pocu di pezzi e mi li misi ncapu ddri spadri. Li carni pàrsica m’arrifriscaru.

Finemmu di mangiàri un piattu di minestra, me matri cci dissi a me patri:

- Ad Angilu làssalu intra e mànnalu a la scola.

Me patri la talià un pocu e po cci dissi:

- Si resta iddru, nun pozzu calari mancu i. Dumani chi si màngia, la muglièri?

Avìanu tutti du centu canni d’arraggiuni, eppuru lu bisognu di ddri tempi tinti cci dava tortu. I e me patri, nni tuccava calari pi vuscari quantu vastava pi putiri mangiari tutta la famìglia.Prima chi scurà, quannu l’atri iorna ancora curriva e iucava pi li strati, i era già curcatu.  


A mia la scola assà mi piaciva

di Angelo Montalbano            

Sapiti quant’era brutta la pirrera?

Scurusa, stritta e mala curata.

Pi li carusi era vita amara

c’un saccu n coddru e la citalena. 

 

Nun c’eranu li liggi di sti tempi

pi la scola nun fàricci lassari

pi sti carusi nuddru pìglia cuntu

pi diri basta a lu sfruttamentu.

 

 Li Guvirnanti foru orbi e muti

nun c’èranu nemmenu sinnacati

pi sti liggi fari rispittari

e sti minurenni custudiri. 

 

Immaginati chi tempi passammu

spirammu ca iddri cchiù nun vennu:

Carusi cu li facciuzzi gialli e diliritti

morti di fami e mali vistuti. 

 

Di stu carusu nenti si nni sappi

si putìva divintari profissuri

lu carrïari cci stuccà li passi

 e nni la menti so stu chiovu fissu.       


 

[1] Di li celli po cc’era lu vagunaru chi purtava tuttu lu matriali fora cu lu vaguni.

[2] Carriannu, a li voti nun susava lu saccu pirchì bisugnava purtari tozza, rocchi di setti ottu chila, e bisugnava purtàrini armenu du ncapu li spaddri. Li rocchi cchiù nichi èranu rasagliuna e si mittìvanu intra lu saccu, siddru lu pisu era picca, ncapu lu saccu si cci mittiva un tozzu. Li viàggia cchiù tinti eranu quannu lu inchituri mittiva sterru intra lu saccu, pirchì lu sterru era ùmitu e pisava assà.

[3] Si pigliava un cicaruni, si cci mittiva ògliu e acqua e si sbattìvanu cu na furcetta finâ falli ammiscari completamenti. Era un rimèdiu anticu di lu pòpulu, chi dava veramenti sullevu.
 
< Prec.   Pros. >