CIANCIANA.INFO - Il portale su Cianciana by Paolo Sanzeri -Storia, Cultura, Architettura, Turismo, Cronaca ed altro - La fondazione e la richiesta della Licenza Populandi di Sant'Antonino di Cianciana.

 

 

 

Home
Advertisement

Libro: Sant'Antonino di Cianciana, storia di una città di nuova fondazione

Advertisement
Advertisement

Chi e' online

Abbiamo 1 visitatore online
Advertisement

Webcam Cianciana

Advertisement
 
...il presente sito è gestito personalmente da Paolo Sanzeri e non usufruisce di contributi privati e pubblici ... . il Museo Civico ha a disposizione il Portfolio con la raccolta: "CIANCIANA: 16 cartoline per la storia di una città". . ..Si da avviso che stiano realizzando nel Museo Civico una nuova sezione archeologica e mineraria, si raccolgono reperti archeologici e reperti provenienti dalle zolfare..., quali cristalli di zolfo, oggetti e attrezzi ed in particolare delle foto.... .. presso il Museo il libro "Sant'Antonino di Cianciana, storia di una città di nuova fondazione" . . . INTERNET POINT gratuito presso il Museo Civico.
 
Advertisement
Advertisement

Cerca

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement

Per l'acqua pubblica

Per l'acqua pubblica
Radio
Radio Capital
Radio Deejay

Immagine casuale

__logo.jpg

Articoli in lingua inglese

Advertisement

Articoli in lingua russa

Advertisement

Mappa interattiva

Advertisement

Festa di San Giuseppe

Advertisement

carta turistica informativa

Advertisement
La fondazione e la richiesta della Licenza Populandi di Sant'Antonino di Cianciana. PDF Stampa E-mail
Scritto da Paolo Sanzeri   

 Sample Image Il 4 ottobre 1646 donna Sigismonda Joppolo, moglie di Diego Joppolo (famiglia di origine spagnola), ottenne per il figlio Antonio Giuseppe, dietro pagamento di 200 onze alla corte regia, <<potestà di fabbricare e popolare nel feudo di Cianciana e nei 7 aratati di terre confinanti con facoltà di far castello e fortezza e con la elezione di offiziale>>.

Sample ImageIl 4 ottobre 1646 donna Sigismonda Joppolo, moglie di Diego Joppolo (famiglia di origine spagnola), ottenne per il figlio Antonio Giuseppe, dietro pagamento di 200 onze alla corte regia, <<potestà di fabbricare e popolare nel feudo di Cianciana e nei 7 aratati di terre confinanti con facoltà di far castello e fortezza e con la elezione di offiziale>>, nel quale veniva fondata l'Università di   S. Antonino  che  si  chiamò poi S. Antonino di Cianciana, finché, obliato il nome di fondazione, rimase unicamente la  denominazione Cianciana, derivata tra l'altro dall'antico casale Chincana, nome questo poi esteso al circostante territorio.

Sample ImageSample Image
Si riporta, tradotta, la richiesta effettuata, in data 25 settembre 1646, da Donna Sigismonda Joppolo al fine di ottenere la potestà di fabbricare e popolare nel feudo di Cianciana  e nei 7 aratati di terre confinanti:
 
(Illustrissimo et Eccellentissimo Signore Donna Sigismunda Joppulo amministratrice di Don Antonino Giuseppe Joppulo Barone di Cianciana suo figlio  dice à Vostra Eccellenza, che avendo con esperienza riconosciuto, che li borgesi di molte terre si rendono il soccorso per ammaisare e seminare, e doppo se ne fuggono con tutto lo soccorso e, bestiame, e così restando di ammaisare, e seminare, l'exponente viene a patire sicome ha patito grossi interessi, et in conseguenza anche ha patito il beneficio pubblico, il quale danno et interesse proprio, e del publico intendendo l'exponente, che possa remediare con fare in detta Baronia una Populatione et habitatione, ha deliberato ricorrere à Vostra Eccellenza Supplicarlo sia servita concederle licenza e facoltà  acciò l'exponente detto nomine e detto Don Antonino, et habenti ius, et causam da esso, possano fare habitatione, e populatione in detta Baronia, e seti arati di terre à quella aggregati, nel luogo che meglio  li parirà, et acciò i Vassalli, e genti, che habiteranno in quella, e nella detta Baronia e setti arati di terre stiano con più timore di Nostro Signore, e della giustitia. Sia Vostra Eccellenza servita concederli il merio, e misto Imperio (1) tanto in detta Baronia setti arati di: Terre, come in detta Habitatione da farsi. La quale concessione di mero, e misto Imperio habbia da essere  a tutti passati, e nella forma, e modo, e con l'istessi facoltà, prerogativi, Privileggi, e patti favorabili all'..... concessi, e venduti nello contratto di Misterbianco, et anche che a detta Terra dà popularsi et, alle persone, che verranno ad habitare, in quella s'intendano concessi tutti quelli Privileggi, essentioni, gratie, et immunità che si hanno soluto concedere al Altre nuove habitationi fatti in questo Regno, e che V.E. tanto per via del Real Patrimonio, quanto per la Regia Gran Corte a semplice supplicatione dell'..... habbia à concederci lettere osservatoriali di detti Privileggi, potestà, jurisditioni, et essentioni, concessi tanto dal mero e misto Imperio, quanto anche  dell'habitatione, così in genere come in specie, tante volte, quante exponente supplichirà dovendosi puer stipulare il contratto della concessione di detto mero, e misto Imperio, della detta habitatione, Vassallaggio, e Populatione con tuttili patti, clausule, autorità Privileggi prerogativi, essentioni, e cautele favoribili all'exponente conforme furono concesse, al compratore del Vassallaggio, e mero e, misto  Imperio di Misterbianco. Quali tutti s'intendano concessi e, venduti all'exponente, si come de verbo ad Verbum fossero inserti nella presente offerta et a cautela si debbano inserire nel contratto da farsi e, restando così V.E. servita di farle dette concessioni, come nello inserto memoriale Offerisce l'exponente onze cento cinquanta fra un mese in moneta di questo Regno da depositarsi  nella Regia Gran ..... Thesoreria ad effetto di pagarsi, et impiegarsi per l'urgenti necessità conforme alle lettere di Sua Maestà acciò la presente venditione sia tutta conforme alle dette lettere che il tutto lo riceverà a gratia da V. E. ut Altissimus.

Memoriale Di Donna Sigismunda Joppulo
Amministratrice di D. Antonino Giuseppe Joppulo Barone di Cianciana
Panormi 25 Settembre 1646
Solvendi Unzias ducentas
concordatur Utrunque
Rex Maestas etc..
Re Confirma 3^ Indictione 53)

 

Pur essendoci un nucleo già preesistente, il comune alla fondazione non prese il nome da esso bensì quello di S. Antonino, in quanto il figlio di D. Diego Joppolo, Antonino, era devoto al Santo protettore di Padova, in questo modo il proprietario del feudo Don Diego Joppolo veniva a consolidare il suo prestigio, esercitando il suo potere anche sul comune.
 
< Prec.   Pros. >