CIANCIANA.INFO - Il portale su Cianciana by Paolo Sanzeri -Storia, Cultura, Architettura, Turismo, Cronaca ed altro - La Sicilia nella storia: Sicani/ Siculi-Ausoni/ Elimi/Fenici

 

 

 

Home
Advertisement

Libro: Sant'Antonino di Cianciana, storia di una città di nuova fondazione

Advertisement
Advertisement

Chi e' online

Advertisement

Webcam Cianciana

Advertisement
 
...il presente sito è gestito personalmente da Paolo Sanzeri e non usufruisce di contributi privati e pubblici ... . il Museo Civico ha a disposizione il Portfolio con la raccolta: "CIANCIANA: 16 cartoline per la storia di una città". . ..Si da avviso che stiano realizzando nel Museo Civico una nuova sezione archeologica e mineraria, si raccolgono reperti archeologici e reperti provenienti dalle zolfare..., quali cristalli di zolfo, oggetti e attrezzi ed in particolare delle foto.... .. presso il Museo il libro "Sant'Antonino di Cianciana, storia di una città di nuova fondazione" . . . INTERNET POINT gratuito presso il Museo Civico.
 
Advertisement
Advertisement

Cerca

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement

Per l'acqua pubblica

Per l'acqua pubblica
Radio
Radio Capital
Radio Deejay

Immagine casuale

__logo.jpg

Articoli in lingua inglese

Advertisement

Articoli in lingua russa

Advertisement

Mappa interattiva

Advertisement

Festa di San Giuseppe

Advertisement

carta turistica informativa

Advertisement
La Sicilia nella storia: Sicani/ Siculi-Ausoni/ Elimi/Fenici PDF Stampa E-mail
Scritto da Paolo Sanzeri   

Come innumerevoli occhi, aperti verso il paesaggio esterno ed interno alla stessa cava, le tombe dell’età del Bronzo testimoniano ancora una delle ultime, forti, presenze autoctone della Sicilia, l’età dei Sicani.In seguito si ha l’arrivo dei Siculi  e degli Elimi, con cui si fusero i gruppi autoctoni.

 

I Sicani probabilmente originari del luogo, dopo l’arrivo dei Siculi-Ausoni (XIII-IX sec. a.C.), provenienti dalla penisola italica ed insediati nei Peloritani e giù fino agli Iblei nella Sicilia orientale, si attestarono nella parte centro-occidentale dell’isola.

Gli Elimi, secondo recenti studi, di origine asiatica, provenienti probabilmente dall’anatolia, abitavano la cuspide occidentale della Sicilia e costituivano un gruppo etnico numericamente inferiore agli altri due.I Sicani saranno in tal modo costretti, dal lato orientale dai Siculi e sul lato occidentale dagli Elimi, a restare confinati nell’agrigentino e nel nisseno della media ed alta valle del Platani.

Le tombe di S. Angelo Muxaro, ricche di corredi funerari di grande importanza, con vasi e gioielli d’oro, testimoniano eloquentemente l’alto grado di civiltà raggiunto dall’uomo siciliano autoctono.Lo storico greco Tucidide (V sec. a.C.), che attinse notizie dall’opera di Antioco di Siracusa, il maggiore storico della Magna Grecia, di poco anteriore, così scrive:<<Si dice che i più antichi (abitanti) siano stati i Ciclopi e i Lestrigoni, che abitarono una parte dell’isola; io non potrei dire che razza fossero, donde venuti e dove siano andati a finire….Dopo di essi pare che per primi siano stati i Sicani: anzi quanto essi affermano, avrebbero preceduto addirittura i Ciclopi  e i Lestrigoni, poiché dicevano nati sul luogo; invece la verità assodata è che i Sicani erano Iberi, scacciati ad opera dei Liguri dal fiume Sicano, che si trova appunto in Iberia.Dal loro nome l’isola fu chiamata Sicania, mentre prima era Trinacria; e anche ora essi vi abitano nella parte occidentale.

Espugnata che fu Ilio (Troia), alcuni dei Troiani, sfuggiti agli Achei, approdarono con le loro imbarcazioni in Sicilia, ove si stabilirono ai confini coi Sicani; e tutti insieme ebbero il nome di Elimi: Erice e  Segesta furono le loro città. Ad essi si aggiunsero e con loro abitarono alcuni greci della Focide che, al ritorno da Troia, erano stati dalla tempesta sbattuti prima in Libia e là in Sicilia.Dall’Italia dove abitavano, i Siculi, che sfuggivano gli Osci, passarono in Sicilia.

Dei Siculi ce n’é ancora in Italia, anzi la regione fu appunto chiamata Italia da Italo, un re dei Siculi, che aveva questo nome. Passati dunque in Sicilia in gran numero, vinsero in battaglia i Sicani che confinarono nelle regioni meridionali e fecero sì che l’isola, da Sicania, si chiamasse Sicilia.

Compiuto il passaggio, occuparono e abitarono le zone più fertili del paese, circa 300 anni prima che vi ponessero piede i Greci.>>Per quello che riguarda il popolo sicano, lo storico Timeo da Tauromenio, vissuto tra il IV e il III a.C., e Diodoro Siculo, vissuto nel I sec. a.C., sostengono sia stata una stirpe autoctona della Sicilia, mentre Tucidide e Filisteo di Siracusa, vissuto nel IV sec. a.C., affermano di contro che sia stato un popolo proveniente dall’Iberia, e sembra sia venuto nell’isola prima dell’VIII sec. a.C..

Il confine tra i territori dei Sicani e  dei Siculi sarebbe passato lungo il fiume Salso o Imera meridionale ad est di Licata.Leggendarie città sciane furono: Inico, Iccara, Omphace, Indara, Crasto, Makara, Misera. Triocala, Camico.Sul finire del secondo millennio arrivarono i Fenici, in seguito alla necessità di conservare gli empori commerciali disseminati lungo le coste dell’isola, abitate da importanti centri sicani come Thapsos. Fondarono delle colonie stabili nell’occidente dell’isola, Mozia nel VIII sec. a.C., Palermo e Solunto.  Preferivano  lagune piatte con isole appena emergenti dagli acquitrini (Mozia e Drepano) o promontori internati tra fiumi-porto (Panormo). Essi vissero in alleanza con gli Elimi.

Tucidide così descrive la loro presenza (La guerra del Peloponnesso, VI):<<Anche i Fenici abitarono qua e là per tutta la Sicilia, dopo avere occupato i promontori sul mare e le isolette vicine alle coste, perché fossero più facili rapporti commerciali con i Siculi. Quando poi vennero d’oltremare in gran numero i Greci, essi sgombrarono la maggior parte del paese e si concentrarono a Mozia nei pressi di Marsala, a  Solunto e Palermo, dove abitarono vicino agli Elimi, rassicurati dall’alleanza degli Elimi stessi e dal fatto che quel punto della Sicilia distava pochissimo da Cartagine>>. 

 
< Prec.   Pros. >