CIANCIANA.INFO - Il portale su Cianciana by Paolo Sanzeri -Storia, Cultura, Architettura, Turismo, Cronaca ed altro - Cianciana: Tornano gli archeologici tedeschi per le indagini archeologiche.

 

 

 

Home arrow Archeologia arrow Cianciana: Tornano gli archeologici tedeschi per le indagini archeologiche.
Advertisement

Libro: Sant'Antonino di Cianciana, storia di una città di nuova fondazione

Advertisement
Advertisement
Advertisement

Webcam Cianciana

Advertisement
Advertisement
Advertisement

Cerca

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement

Per l'acqua pubblica

Per l'acqua pubblica
Radio
Radio Capital
Radio Deejay

Immagine casuale

__logo.jpg

Articoli in lingua inglese

Advertisement

Articoli in lingua russa

Advertisement

Mappa interattiva

Advertisement

Festa di San Giuseppe

Advertisement

carta turistica informativa

Advertisement
Cianciana: Tornano gli archeologici tedeschi per le indagini archeologiche. PDF Stampa E-mail
Scritto da Enzo Minio   
   

 CIANCIANA, 14/07/2012. Tornerà tra qualche settimana a Cianciana l’èquipe archeologica tedesca dell’università di Gottingen che, guidata dal professore universitario Johannes Bergeman, continuerà la serie delle ricognizioni archeologiche sui terreni collinari dei Monti Sicani, tra i comuni di Cianciana, Alessandria della Rocca, Bivona, Santo Stefano Quisquina e Ribera (nella foto). Gli studenti universitari tedeschi arriveranno alla fune del mese di luglio e rimarranno impegnati sul territorio per circa tre settimane durante le quali, con l’aiuto di foto aree e satellitari,con il sistema geografico digitale e con il gps, eseguiranno delle ricognizioni sistematiche, a tappeto, su un’area sulla quale negli ultimi tre anni di intensa attività di rilevazione, sono stati bene individuati circa 200 siti archeologici, tra terreni brulli, aree boschive, vigneti, uliveti e frutteti in genere.

 

 

“Continueremo a raccogliere reperti di ceramica che, lavati, studiati, saranno conservati all’interno di apposite cassette e messi a disposizione della Soprintendenza ai Beni Acheologici di Agrigento – ci dice al telefono da Gottingen il prof. Johannes Bergemann – e vedremo se riusciremo ad organizzare qualche convegno scientifico per far conoscere la storia antica della vostra terra, attraverso ogni tipo di testimonianza, a cominciare dai frammenti di ceramica individuati in superficie nei terreni”. In questi tre anni di intensa attività di ricerca i finanziamenti sono stati erogati dalla Gerda-Henkel-Stiftung di Dusseldorf.

Giornale: La Sicilia: 14 Luglio 2012.

 

ENZO MINIO

 
< Prec.   Pros. >