CIANCIANA.INFO - Il portale su Cianciana by Paolo Sanzeri -Storia, Cultura, Architettura, Turismo, Cronaca ed altro - La Sicilia nella storia: Greci

 

 

 

Home
Advertisement

Libro: Sant'Antonino di Cianciana, storia di una città di nuova fondazione

Advertisement
Advertisement

Chi e' online

Abbiamo 1 visitatore online
Advertisement

Webcam Cianciana

Advertisement
 
...il presente sito è gestito personalmente da Paolo Sanzeri e non usufruisce di contributi privati e pubblici ... . il Museo Civico ha a disposizione il Portfolio con la raccolta: "CIANCIANA: 16 cartoline per la storia di una città". . ..Si da avviso che stiano realizzando nel Museo Civico una nuova sezione archeologica e mineraria, si raccolgono reperti archeologici e reperti provenienti dalle zolfare..., quali cristalli di zolfo, oggetti e attrezzi ed in particolare delle foto.... .. presso il Museo il libro "Sant'Antonino di Cianciana, storia di una città di nuova fondazione" . . . INTERNET POINT gratuito presso il Museo Civico.
 
Advertisement
Advertisement

Cerca

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement

Per l'acqua pubblica

Per l'acqua pubblica
Radio
Radio Capital
Radio Deejay

Immagine casuale

__logo.jpg

Articoli in lingua inglese

Advertisement

Articoli in lingua russa

Advertisement

Mappa interattiva

Advertisement

Festa di San Giuseppe

Advertisement

carta turistica informativa

Advertisement
La Sicilia nella storia: Greci PDF Stampa E-mail
Scritto da Paolo Sanzeri   

 Nel 735 a.C., provenienti dalla Calcidica, i Greci sbarcarono sotto Taormina fondando Naxos: fu l’inizio della colonizzazione. C’è chi sostiene che erano arrivati prima a Zancle, l’odierna Messina, nel 756 a.C.; ma comunque si irradiarono con notevole acume strategico-geografico. Da immigrati e conquistatori divennero “siciliani”: fondarono Siracusa (733 a.C.), Gela (688 a.C.) e poi Akragas (581 a.C.), insediandosi in promontori peninsulari con grandi porti naturali di spiagge sabbiose e fiumi navigabili in prossimità della foce (Naxos, Megera Iblaea, Siracusa, Zancle-Messina, Gela, Selinunte, Eraclea Minoa). I luoghi prescelti sia dai Fenici che dai Greci per gli insediamenti stabili erano quasi sempre già abitati almeno dall’età del ferro, siti che permettevano una navigazione sotto costa da un sito all’altro nell’arco di una sola giornata già a partire dai primi arrivi di età minoico-micemea che precedettero i Fenici e gli stessi Greci (corinzi, rodii, euboici). Ma lo spirito dell’insediamento stabile delle due culture era diverso: i fenici fondavano solo empori per i loro commerci con gli indigeni con i quali intrattenevano pacifici rapporti; i greci cercavano fertili territori agricoli da conquistare per rifornire di derrate alimentari le città di provenienza, ubicate in aree montuose adeguate alla pastorizia e prive di sufficienti terreni coltivabili. La necessità di incrementare il rifornimento delle derrate agricole permetterà una organizzazione capillare ai fini agricoli dell’agro della chora, mediante la realizzazione di piccole fattorie che formeranno un sistema che, tra distruzioni e ricostruzioni, attraverserà pressoché indenne l’età romana, la bizantina, l’islamica e la medievale (casali). Iniziarono le lotte per l’egemonia. Il processo di ellenizzazione della Sicilia accelerò le ambizioni delle popolazioni le quali, in un più armonico rapporto con il territorio, edificarono imperiture testimonianze del loro modo di essere, teatri e templi. Nasceranno così i complessi templari, le acropoli, che a Selinunte dominano la città, il mare e la campagna e che dominavano anche le città di Siracusa, Himera, Gela e tutte le altre città a volte non greche, per finire con il massimo dei sistemi connotanti la più bella città dei viventi”, la greca Akragas (Agrigento), dove la città è costruita su un alto pianoro circondato da un orlo di alte rupi che la sovrastano e la difendevano lungo i lati nord, est e sud, rupi naturali dove in fila indiana sono posti i templi delle divinità tutelari della sua potenza e della sua leggendaria prosperità.Tali città divennero potenze mediterranee che non potevano non entrare

 
< Prec.   Pros. >