CIANCIANA.INFO - Il portale su Cianciana by Paolo Sanzeri -Storia, Cultura, Architettura, Turismo, Cronaca ed altro - Acqua pubblica: L'Autorità di vigilanza sull'energia «Dateci i dati sul servizio idrico».

 

 

 

Home arrow Per l'acqua pubblica arrow Acqua pubblica: L'Autorità di vigilanza sull'energia «Dateci i dati sul servizio idrico».
Advertisement

Libro: Sant'Antonino di Cianciana, storia di una città di nuova fondazione

Advertisement
Advertisement
Advertisement

Webcam Cianciana

Advertisement
Advertisement
Advertisement

Cerca

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement

Per l'acqua pubblica

Per l'acqua pubblica
Radio
Radio Capital
Radio Deejay
Advertisement

Immagine casuale

__logo.jpg

Articoli in lingua inglese

Advertisement

Articoli in lingua russa

Advertisement

Mappa interattiva

Advertisement

Festa di San Giuseppe

Advertisement

carta turistica informativa

Advertisement
Acqua pubblica: L'Autorità di vigilanza sull'energia «Dateci i dati sul servizio idrico». PDF Stampa E-mail
Scritto da La Sicilia   
Anteprima  10/10/13: Diffidati tredici comuni della provincia. Tredici dei comuni della nostra provincia che non hanno consegnato le condotte sono stati diffidati dall'Autorità di vigilanza per l'Energia Elettrica ed il Gas a fornire le notizie che servono per la determinazione delle tariffe da applicare all'utenza. I sindaci di Alessandria della Rocca, Bivona, Burgio, Camastra, Cianciana, Lampedusa e Linosa, Menfi, Palma di Montechiaro, San Biagio Platani, Santa Elisabetta, Santa Margherita Belice, Sant'Angelo Muxaro e Santo Stefano di Quisquina hanno ricevuto una nota con la quale l'Autorità li invita a comunicare chi ha la gestione del servizio idrico nei rispettivi Comuni.
Segue articolo: ...

 

In caso di gestione diretta, come avviene nella totalità dei casi, gli stessi sindaci sono stati invitati a fornire gli elementi richiesti già in precedenza e che avrebbero dovuto fornire entro il 30 aprile scorso.

Qualora essi dovessero ancora fare orecchie da mercante e dovessero fare scadere il nuovo termine di 30 giorni fissato dall'Aeeg, quest'ultima porrà in essere i propri poteri sanzionatori disponendo anzitutto una determinazione d'ufficio della tariffa per ciascun comune che sarà quantificata moltiplicando per 0,9 la tariffa in atto esistente (in pratica una decurtazione del 10 per cento).

Questo farebbe sicuramente felici gli utenti che subirebbero una riduzione della bolletta dell'acqua, ma «alleggerirebbe» significativamente le entrate dei Comuni in un, periodo in cui già Stato e Regione hanno decurtato le loro rimesse agli enti locali.

Quei comuni dunque si troverebbero in grosse difficoltà di bilancio e dovrebbero sacrificare gli investimenti o, peggio ancora, potrebbero avere gravi difficoltà a far quadrare i conti.

Senza contare che non è nemmeno da escludere una grossa sanzione pecuniaria nei confronti degli stessi comuni inadempienti. Non sono stati diffidati il Consorzio Tre Sorgenti e gli altri tre comuni che non hanno ancora consegnato gli impianti, ma l'ato idrico ha già provveduto a fornire un nuovo elenco dei comuni "ribelli" all'Agenzia.


S. F.




Giornale "La Sicilia" del 06/10/2013.

 
< Prec.   Pros. >