CIANCIANA.INFO - Il portale su Cianciana by Paolo Sanzeri -Storia, Cultura, Architettura, Turismo, Cronaca ed altro - Palazzo dei Normanni, incontro per chiedere al governo di approvare la legge "acqua pubblica".

 

 

 

Home arrow Per l'acqua pubblica arrow Palazzo dei Normanni, incontro per chiedere al governo di approvare la legge "acqua pubblica".
Advertisement

Libro: Sant'Antonino di Cianciana, storia di una città di nuova fondazione

Advertisement
Advertisement
Advertisement

Webcam Cianciana

Advertisement
Advertisement
Advertisement

Cerca

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement

Per l'acqua pubblica

Per l'acqua pubblica
Radio
Radio Capital
Radio Deejay
Advertisement

Immagine casuale

__logo.jpg

Articoli in lingua inglese

Advertisement

Articoli in lingua russa

Advertisement

Mappa interattiva

Advertisement

Festa di San Giuseppe

Advertisement

carta turistica informativa

Advertisement
Palazzo dei Normanni, incontro per chiedere al governo di approvare la legge "acqua pubblica". PDF Stampa E-mail
Scritto da Enzo Minio   
Anteprima   Anteprima 17/02/15: – Incontro in sala rossa, Palazzo dei Normanni, per chiedere al governo di fare in fretta per la approvazione della legge organica sulla acqua pubblica. Il Sindaco Santo Alfano è sttao presente alla riunione dei sindaci con la Commissione Affari Istituzionali dell'Assemblea Regionale. Presente ideputati Giovanni Panepinto e

 

 Anteprima

 

“Il Governo vada al più presto in quarta commissione e riferisca le reali intenzioni circa la ripubblicizzazione del servizio idrico in Sicilia”. Lo ha detto Giovanni Panepinto, parlamentare regionale del PD, promotore delle iniziative di legge sull’acqua pubblica, oggi, in Sala rossa all’Ars, durante il  dibattito sulla ‘ripubblicizzazione del servizio idrico in Sicilia e sulla necessità di completare la riforma’ organizzato con il Forum per l’acqua pubblica a cui hanno partecipato sindaci, consiglieri comunali, amministratori locali e esponenti di associazioni e movimenti per la ripubblicizzazione dell’acqua.

“Sulla gestione delle risorse idriche in Sicilia – ha continuato Panepinto –  serve maggiore chiarezza. E’ una situazione che, se non governata, rischia di aumentare  disservizi e aprire lunghi contenziosi”.

Anche Marika Cirone, parlamentare regionale PD, componente della Quarta commissione territorio ed ambiente, invoca maggiore chiarezza.

“Il Governo liberi il campo da qualunque equivoco – dice Marika Cirone – Il caso del provvedimento di revoca firmato dal dirigente del dipartimento acque e rifiuti in palese contrasto con la legge del 2013 o l’articolo 29 della bozza di ddl sui liberi consorzi che rinvia all’approvazione di una legge sul servizio idrico, da approvare entro due anni,  sembrano palesare una volontà di dilazionare i tempi.  Ogni minuto di ritardo – conclude – è  un danno per la nostra regione”.

 

 
< Prec.   Pros. >