CIANCIANA.INFO - Il portale su Cianciana by Paolo Sanzeri -Storia, Cultura, Architettura, Turismo, Cronaca ed altro - Il 20 marzo consiglio comunale aperto sul problema dell’acqua pubblica.

 

 

 

Home arrow Per l'acqua pubblica arrow Il 20 marzo consiglio comunale aperto sul problema dell’acqua pubblica.
Advertisement

Libro: Sant'Antonino di Cianciana, storia di una città di nuova fondazione

Advertisement
Advertisement
Advertisement

Webcam Cianciana

Advertisement
Advertisement
Advertisement

Cerca

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement

Per l'acqua pubblica

Per l'acqua pubblica
Radio
Radio Capital
Radio Deejay
Advertisement

Immagine casuale

__logo.jpg

Articoli in lingua inglese

Advertisement

Articoli in lingua russa

Advertisement

Mappa interattiva

Advertisement

Festa di San Giuseppe

Advertisement

carta turistica informativa

Advertisement
Il 20 marzo consiglio comunale aperto sul problema dell’acqua pubblica. PDF Stampa E-mail
Scritto da Enzo Minio   
Anteprima Cianciana: Il 20 marzo consiglio comunale aperto sul problema dell’acqua pubblica.

Il presidente del consiglio comunale di Cianciana Francesco Messina ha convocato la riunione civica per venerdì 20 marzo prossimo alle ore 20,30 nei locali del centro sociale. Si tratta di una seduta aperta ed urgente del civico consesso che ha un solo argomento all’ordine del giorno e cioè “No alla privatizzazione dell’acqua. Il punto della situazione. Iniziative intraprese e da intraprendere”.

La riunione si inquadra nel movimento provinciale delle amministrazioni comunali che chiedono una legge organica sul servizio idrico pubblico, rigettando la distribuzione operata da società private e respingendo il tentativo, contro la volontà delle popolazioni, della Regione Siciliana che vorrebbe imporre ai sindaci cosiddetti “ribelli” la consegna delle reti idriche e fognanti al gestore privato.

La riunione si inquadra nel movimento provinciale delle amministrazioni comunali che chiedono una legge organica sul servizio idrico pubblico, rigettando la distribuzione operata da società private e respingendo il tentativo, contro la volontà delle popolazioni, della Regione Siciliana che vorrebbe imporre ai sindaci cosiddetti “ribelli” la consegna delle reti idriche e fognanti al gestore privato.

Il sindaco Santo Alfano e il consiglio sono stati in prima fila in tutte le manifestazioni delle amministrazioni comunali, svoltesi ad Agrigento, in provincia e a Palermo per richiedere la gestione pubblica dell’acqua, bene sovrano e gratuito dell’umanità.

ENZO MINIO

 
< Prec.   Pros. >