CIANCIANA.INFO - Il portale su Cianciana by Paolo Sanzeri -Storia, Cultura, Architettura, Turismo, Cronaca ed altro - "Bancarotta fraudolenta", in 13 rinviati a giudizio per il fallimento della cantina Enocarboy.

 

 

 

Home arrow Cronaca -oggi- arrow "Bancarotta fraudolenta", in 13 rinviati a giudizio per il fallimento della cantina Enocarboy.
Advertisement

Libro: Sant'Antonino di Cianciana, storia di una città di nuova fondazione

Advertisement
Advertisement
Advertisement

Webcam Cianciana

Advertisement
Advertisement
Advertisement

Cerca

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement

Per l'acqua pubblica

Per l'acqua pubblica
Radio
Radio Capital
Radio Deejay

Immagine casuale

__logo.jpg

Articoli in lingua inglese

Advertisement

Articoli in lingua russa

Advertisement

Mappa interattiva

Advertisement

Festa di San Giuseppe

Advertisement

carta turistica informativa

Advertisement
"Bancarotta fraudolenta", in 13 rinviati a giudizio per il fallimento della cantina Enocarboy. PDF Stampa E-mail
Scritto da AgrigentoNotizie.it   
"Bancarotta fraudolenta", in 13 rinviati a giudizio per il fallimento della cantina Enocarboy
03/04/17: Secondo la Procura, i libri e le scritture contabili sarebbero stati tenuti in modo da non rendere possibile la ricostruzione del patrimonio e del movimento degli affari,

Potrebbe interessarti: http://www.agrigentonotizie.it/cronaca/fallimento-cantina-enocarboy-13-rinvii-a-giudizio-1-aprile-2017.html
Seguici su Facebook: http://www.facebook.com/pages/Agrigentonotizieit/117363480329
„ Il Gup del tribunale di Sciacca, Alberto Davico, ha rinviato a giudizio - per bancarotta fraudolenta - 13 tra ex amministratori ed ex commissari liquidatori della cantina Enocarboy di Sciacca, dichiarata fallita nel 2010. La cantina Enocarboy è stata, per lungo tempo, una delle principali realtà del settore enologico. Il rinvio a giudizio riguarda - secondo quanto riporta il Giornale di Sicilia - Arturo Morreale, di 49 anni, di Sciacca; Francesco Turturici, di 75 anni, di Sciacca; Giuseppe Tulone, di 71 anni, di Sciacca; Matteo Cutino, di 54 anni, di Ribera; Giuseppe Bono, di 49 anni, di Sciacca; Antonino Sutera, di 58 anni, di Sciacca; Salvatore Ciaccio, di 77 anni, di Sciacca; Antonino Raffa, di 84 anni, di Cianciana; Pasquale Caro, di 70 anni, di Montallegro. Per questi la Procura ha chiesto e ottenuto il rinvio a giudizio nella qualità di componenti del Cda in periodi precedenti al 2010. Per Domenico Marchica, di 81 anni, di Agrigento, Concetta Chiaruni, di 67, di Porto Empedocle, e Vincenzo Marinello, di 45, di Sciacca, ex commissari liquidatori, da marzo 2003 a gennaio 2009. Rinviato a giudizio anche l’imprenditore saccense Giuseppe Bono, di 46 anni. Secondo la Procura, i libri e le scritture contabili sarebbero stati tenuti in modo da non rendere possibile la ricostruzione del patrimonio e del movimento degli affari, con operazioni per ritardare il fallimento, comunque aggravando il dissesto della società. L’inizio del processo è fissato per il 14 giugno.
 
< Prec.   Pros. >