CIANCIANA.INFO - Il portale su Cianciana by Paolo Sanzeri -Storia, Cultura, Architettura, Turismo, Cronaca ed altro - Addio padre Ferraro: ci lascia all’età di 93 anni.

 

 

 

Home
Advertisement

Libro: Sant'Antonino di Cianciana, storia di una città di nuova fondazione

Advertisement
Advertisement

Chi e' online

Abbiamo 1 visitatore online
Advertisement

Webcam Cianciana

Advertisement
 
...il presente sito è gestito personalmente da Paolo Sanzeri e non usufruisce di contributi privati e pubblici ... . il Museo Civico ha a disposizione il Portfolio con la raccolta: "CIANCIANA: 16 cartoline per la storia di una città". . ..Si da avviso che stiano realizzando nel Museo Civico una nuova sezione archeologica e mineraria, si raccolgono reperti archeologici e reperti provenienti dalle zolfare..., quali cristalli di zolfo, oggetti e attrezzi ed in particolare delle foto.... .. presso il Museo il libro "Sant'Antonino di Cianciana, storia di una città di nuova fondazione" . . . INTERNET POINT gratuito presso il Museo Civico.
 
Advertisement
Advertisement

Cerca

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement

Per l'acqua pubblica

Per l'acqua pubblica
Radio
Radio Capital
Radio Deejay

Immagine casuale

__logo.jpg

Articoli in lingua inglese

Advertisement

Articoli in lingua russa

Advertisement

Mappa interattiva

Advertisement

Festa di San Giuseppe

Advertisement

carta turistica informativa

Advertisement
Addio padre Ferraro: ci lascia all’età di 93 anni. PDF Stampa E-mail
Scritto da Cianciana.com   

28/05/2017: Si è spento, alla veneranda età di 93 anni, don Filippo Ferraro, “storico” sacerdote di Cianciana. Il 26 settembre del 2017 avrebbe compiuto il 69° anniversario di ordinazione sacerdotale.

Lo ricordiamo con la seguente nota pubblicata dalla Comunità Ecclesiale di Cianciana.


“E se questo dovesse essere il mio ultimo momento, il Signore dovrebbe trovarmi in ozio?” Era questa la risposta data da Padre Ferraro quando gli si chiedeva di prendere un momento di pausa. Oggi il Signore lo ha chiamato, e lo ha trovato pronto, ben disposto, tranquillo.
“Pace e bene”: era questo il saluto che elargiva a tutti, e proferito a chi gli si accostava anche in quegli ultimi attimi, in cui il suo volto, disteso e sereno, sembrava fare proprie le parole di S. Antonio: “Mio Dio, ti vedo!”
Interminabili le cose che si possono dire di lui: le attività, i consigli, gli scritti; non ultima la sua grande realizzazione e opera di evangelizzazione: RADIO EMMAUS.
Al termine di questo lungo tragitto vogliamo fare nostre le parole dell’Apostolo Paolo: “Ho combattuto la buona battaglia, ho terminato la corsa, ho conservato la Fede”. Quella fede che ha trasmesso a generazioni di ciancianesi attraverso il battesimo, che ha ravvivato nei tanti ragazzi che ha educato, sostenuta nei tanti moribondi che ha assistito, per affidarli alla Misericordia di Dio.
Quella Fede che è stata il suo baluardo, assieme alla Speranza, e alla più grande di tutte: la Carità.
Il dovere è stato il suo scopo, quel dovere che gli trasmise il Martire e suo grande amico Gerlando Re, che adesso lo riceve, per potere nuovamente insieme lodare e contemplare il Volto Serafico del Padre.
La Vergine Maria del Monte Carmelo, che con tanto zelo ha venerato e onorato nell’omonima parrocchia nei suoi sessantotto anni di sacerdozio, lo accolga sotto la protezione materna del Suo manto, e in virtù del privilegio sabatino concesso a chi devotamente avesse indossato il Santo Scapolare, gli conceda presto di essere accolto nel Santo Paradiso, dove regna il Suo Signore che servì, amò e immolò sull’ara dell’Altare.
E come porta il titolo di un suo libro: “TUTTO PER GRAZIA DI DIO”.

Il ricordo del sindaco Santo Alfano

«Oggi, il Padre Eterno ha deciso di accoglierlo tra i suoi angeli, con grande commozione per l’Amministrazione comunale e per l’intera comunità, poiché ha rappresentato per tutti noi un punto di riferimento fondamentale sul piano teologico, culturale e spirituale. Tra le sue iniziative non possiamo dimenticare l’istituzione della nostra radio locale. Senza di lui ci sentiremo un po più poveri, ma siamo sicuri che ci tutelerá dall’alto dei cieli».

 
< Prec.   Pros. >