CIANCIANA.INFO - Il portale su Cianciana by Paolo Sanzeri -Storia, Cultura, Architettura, Turismo, Cronaca ed altro - La pitta di lu tammurinaru/La pagnotta del tamburino.

 

 

 

Home arrow San Giuseppe arrow La pitta di lu tammurinaru/La pagnotta del tamburino.
Advertisement

Libro: Sant'Antonino di Cianciana, storia di una città di nuova fondazione

Advertisement
Advertisement
Advertisement

Webcam Cianciana

Advertisement
Advertisement
Advertisement

Cerca

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement

Per l'acqua pubblica

Per l'acqua pubblica
Radio
Radio Capital
Radio Deejay

Immagine casuale

__logo.jpg

Articoli in lingua inglese

Advertisement

Articoli in lingua russa

Advertisement

Mappa interattiva

Advertisement

Festa di San Giuseppe

Advertisement

carta turistica informativa

Advertisement
La pitta di lu tammurinaru/La pagnotta del tamburino. PDF Stampa E-mail
Scritto da Francesco Cannatella   

 Sample Image La Era pitta Rotondo riquadro delle Nazioni Unite da mezzo chilo di Che veniva offerto uno chi suonava Il Tamburo Durante la Festa di San Giuseppe, MA ANCHE Alla Gente Che andava uno Visitare La Tavola.

millinovicentutrentottu Nta lu, i, Arfònziu Muntarbanu, e Tanu Pulizzi èramu addrevi di dùdici Anni e nni lu pani vuscàvamu, facennu li carusi di surfara. Li scarsizzi nn'assicutàvanu FAMIGLIA n, èramu Chini pitittu di posta elettronica scazi nudi e la testa Si La mangiàvanu li pidocchi. Nta li Nostri Casi, uno li voti, monaca SI pi cuciva simanati Sani cà nun C'era chi mèttiri intra la pignata, capitava ca nni mancavanu Macari li pi LIGNA addrumari. Quannu NNI iva bbona, inchìvamu nni la panza na vota lu iòrnu di virdura. Era lu Tintu Stari morti di fami, ma chissi èranu li tempi, la puvirtà nni vinciva e C'era suora Unni sbàttiri la testa. Cu iòrnu delle Nazioni Unite di carrïari coddru n a surfara LA, SI e no, l'tiràvamu agghiùstu pi mezzu chilu di pani. Na vuccunata. patri Intra NTI mia decisione èramu Figli: Ciccu, Giuvanni, Peppi, Duminica, Tanu, Nina, Maricchia, Àngilu, Arfònziu e Rosa, a me e mi Matri, Tutti fuddrati NTI na casuzza tirrana Cu Se Seggi tàvulinu e delle Nazioni Unite. NTI Tanu èranu Cincu, iddru du Soru, Carmela e FOFA, così patri e così Matri. Nun avennu Tirrena di zappari, la Pirrera era l'unica spranza di travagliari. Lu panza vacanti fa firrïari lu ciriveddru. I e Tanu, Binche èramu Nichi, di comu nni sfurnicïàvamu putìrini arrampicari uno quarche Cosa. Èramu a San Giseppi, festa Granni uno Cianciana, cc'era l'usanza ca SI facìvanu li tàvuli pi lu santu ringrazzïari pi li avia fattu gràzzii chi. Sapìvamu ca li tàvuli li iva uno firrïari màsciu Masi, tammurinaru lu di li festi di lu paisi. Chistu, lu iornu di la festa, quannu finiva la missa di mezzïòrnu, sunannu iva tammurinu lu e lu SI faciva Giru di li stratigrafiche, cc'eranu Unni cunzati tàvuli. Lu patruni di casa, un tammurinata la, Dava uno Pani màsciu Masi Nazioni Unite, la pitta chiamatu[1] tammurinaru di lu, pani fattu apposta pi lu sonu di lu pagari tammurinu.__________

 

Sample Image

La pitta del Tamburino.

NEL 1938, IO, Alfonso Montalbano, e Gaetano Pulizzi eravamo Ragazzi di Dodici Anni e gia ci guadagnavamo riquadro il, Facendo i carusi di Zolfara. La miseria in famiglia ci inseguiva. Eravamo  Dalla fama sopraffatti, scalzi e nudi e la testa ce la mangiavano i pidocchi. Nelle Nostre caso, un Volte, non SI cucinava per intere Settimane perche C'era Cosa non mettere Dentro la pentola, capitava Che ci mancasse perfino la legna da ardere. Era Buona Giornata, quando riempivamo la pancia di Verdura. Era triste Ritrovarsi morti di fama, Quelli erano i tempi, la Povertà imperava e sapevamo di non sbattere la testa colomba per liberarcene. Lavorando Intero Un giorno in Miniera, Materiale trasportando in spalla, sì e no guadagnavamo la paga per comprare mezzo chilo di pane. Un Boccone. A Casa Mia eravamo Dieci Figli: Francesco, Giovanni, Giuseppe, Domenica, Gaetano, Antonina, Maria, Angelo e Rosa Alfonso, mio padre e mia madre, "tutti stipati Dentro una casa con sei sedie Terrana ed tavolo delle Nazioni Unite.  La Famiglia di epoca Composta da Gaetano Cinque Persone: Egli, Due Sorelle, Carmela e Alfonsa, Suo padre e madre SUA. Non possedendo Terreni da zappare, La Miniera offriva l'unica possibilita di Lavorare. La Vuota Mette in pancia Funzione Il Cervello. Io e Gaetano, ANCHE SE Ragazzi, ci scervellavamo di aggrapparci poter venire qualche uno di Cosa. Era tempo della ricorrenza di San Giuseppe, festa Solenne uno Cianciana, colomba C'era LA TRADIZIONE di allestire delle tavole Alimentari per ringraziare il Santo per Le Grazie il Che aveva concesso. Sapevamo Che le tavole venivano Visitate Dal signor Tommaso, Tamburino delle feste paesane. Costui Il Giorno della festa, non appena Terminata la Messa di mezzogiorno, suonando Il Tamburo, faceva Il Giro del Paese, fermandosi Strade Nelle colomba dello stato erano allestite delle Tavole. Il padrone di casa, DOPO Il Suono del Tamburo, Dava al signor Tommaso riquadro delle Nazioni Unite, la Detto Pitta del Tamburino, Preparato appositamente per ripagarlo Del Suono del Tamburo.

Un pani cca e delle Nazioni Unite pani ddrà, màsciu Masi nn'arricugliva na beddra Quantità, a cura di assa essennu tuttu pi tenisillu, cu na pocu faciva sazzïàri Famiglia e la na pocu lu vinniva, quarche sordu vuscannu. Essenu la viglilia di San Giseppi, cci dissipazione ia Tanu:-         Ssi tàvuli n'amm'a girari. Capitammu tammurinu delle Nazioni Unite.Ddrà vicinu CI Stava me frati Ciccu ca Šuňava NTA la Banna.-         CI, dumani pi nni lu ssu mpresti tammurinu?-         Vi lu mprestu.Ora mancava nni lu pani unni mèttiri. Iemmu NTI Gnaziu Ciräulu, vicinu di Casa[2]. -         GNA, paru delle Nazioni Unite di vertuli NNI sèrbinu.-         Pigliativilli.NNI Detti ddri vertuli Tutti arripizzati, monaca SI capiva qual'era la pezza di  Nascita, e tuttu cu la Cina era ancora "di pirtusa. Mi pruvavu li, ittannumilli ncapu spaddra la posta ddri vèrtuli m'arrivàvanu nta li garruna, quàsica n tuccàvanu terra. Ni NTI iemmu nni intra Tanu e cuminciàmmu uno fari li disposi nnumani pi lu. Tanu lu tammurinu Šuňava e li vèrtuli li purtava i. Facìvamu finta di èssiri Davanti la casa di la tàvula: -         pirmissu Cc'è?Po, facìvamu finta di tràsiri, accumpagnati di lu patruni di casa, gridàvamu livàvamu nni la còppula, All'Aria riènnula, e: -         Viva lu Patriarca di San Giseppi. E attaccàvamu uno tammurinu lu sunari. E gia NNI vidìvamu vinu una Li prisi cu piatta di virdura friùta cu la muddrica, nfarinati carduna, spàraci, beddri feddri di pani e uno vuluntà. Così Avennu Tutti Pronti, iemmu nni uno curcari. Una suora La Matina mi sonnu potti, coddru n vèrtuli, partu e vàiu uno NTI tuppìu Tanu.__________

Un riquadro di Qua riquadro ed ONU di là, Il Signor Tommaso ne raccoglieva Una gran bella Quantità ed, essendo Molto Tutto per tenerlo per sé, con l'Una Parte faceva saziare la FAMIGLIA e la Parte rimanente la vendeva, ricavandone qualche soldo. Essendo la vigilia di San Giuseppe, dissipazione di Gaetano:- Tariffa Dobbiamo Il Giro delle Tavole. Provvediamoci di Tamburo delle Nazioni Unite.Vicino Lì abitava mio fratello Francesco Che suonava NELLA banda musicale.-          Francesco, puoi prestarci Il Tuo Tamburo per domani?-          Posso prestarvelo.Una Punto tempo condensato ci mancava colomba riquadro di mettere il. Siamo andati da Ignazio Ciraolo, Nostro Vicino di Casa.-          Ignazio, ci servono delle bisacce.-          Prendetevele.Ci diede delle bisacce con numerosi rattoppi, non riusciva SI uno Ritrovare la stoffa originaria con CUI stato erano fatte, e malgrado cio c'erano molti strappi. Prova Una sentono, le sistemai Silla mia spalla e le bisacce toccavano i Miei Calcagni, giungevano fino "quasi a terra.Ci recammo A Casa di Gaetano ed iniziammo uno Provare cio Che avremmo Fatto l'indomani. Gaetano suonava Il Tamburo Ed io portavo le bisacce. Facevamo finta di Essere Davanti Alla Casa della tavola:-          C'E permesso?Poi fingevamo di entrare i casa, Accolti Dal padrone di casa, ci toglievamo le coppole Dalla Testa, le alzavamo in aria e gridavamo:-          Viva il Patriarca San Giuseppe.Ed iniziavamo uno Suonare Il Tamburo. E gia ci vedevamo Alle Prese con piatti di Verdura fritta con la Mollica, cardi infarinati, asparagi, grosse fette Pane di e Vino in Abbondanza. Avendo Preparato OGNI Cosa, ci siamo coricati. Di Primo Mattino non riuscii Più uno dormire, Spalla Silla bisacce, e mi avviai andai da Gaetano.

Un mumentu SI n mezzu prisintà la strati Senza pèrdiri Tempu cu lu misu tammurinu uno tracolla. Lu primu nta lu pani fìcimu La Via Cincumani[3]. Trasemmu a la tàvula e MBRU mbrùmbiti mbrùmbiti, MBRU mbrùmbiti mbrùmbiti. Viva lu Patriarca di San Giseppi. Un nn'uffreru Verdura mumentu, Pani e vinu. Li patruna, vidènnuni sunari, sapìvanu siddru nn'avïànu suora a la Dari pitta o no, pirchì aspittàvanu, comu usanza, un Masi màsciu. Natri cu la Facci torbita, n Inni suora ìvamu.-         E lu pani NNI Tocca? E chi sunammu uno Ventu allura lu?-         Sunammu e vulemmu la pitta Tocca NNI chi.-         Siti cu Ma vatri?-         Li tammurinara di San Giseppi, NECA e ghiustu ni ca nni iemmu una manifesta vacanti.Nzumma pocu cci fu Nazioni Unite di traca traca. Cc'èranu na pocu d'Anziani, SI pi lu mezzu mìsiru e cci dìssiru a li patruna di la tàvula:-         Sicuri Siti ca màsciu Masi aguannu Passa?-         Siddru sti picciotti sunaru lustru pi lu la tàvula e di lu Santu, pirchì lu pani 'Tocca a màsciu Masi? boni ca Daticcillu sunaru e vi fìciru anuri tantu.Si cumminceru e nni dèttiru la pitta. lu pani Mìsimu intra li caminu fìcimu vèrtuli e. A Fini la di la strati[4] cc'era n'atra tàvula. Stavota la pitta nni la dèttiru Senza discùrriri. Arrivata ddrocu a la curba[5] di lu nicu firmammu Ponti NNI, Pezzu ONU pani di l'unu e nni lu mangiàmmu Ponti ncapu lu. Ripigliàmmu hiàtu e ni nni iemmu nta la Via Amatu, unni nni dèttiru n atru pani. Niscemmu e pi lu pigliàmmu sùbbitu Prigatòriu ma cangiàmmu strati pirchì SI sintiva luntanu sunari, NTI l'acchianata di ralòggiu lu, lu tammurinu di màsciu Masi chi, cu la nzèmmula Banna, Gesù accumpagnannu Stava, Giseppi e Maria a pi lu Cummentu la Missa.__________

Delle Nazioni Unite Attimo SI presento in Strada PERDERE Senza alcun tempo con Il Tamburo messo uno tracolla.Il Primo riquadro ce lo guadagnammo NELLA Via Cinquemani. Entrammo NELLA casa e della tavola MBRU mbrùmbiti mbrùmbiti, MBRU mbrùmbiti mbrùmbiti. Viva il Patriarca San Giuseppe. Come usanza ci offrirono Assaggi di verdure e vino. I proprietari, vistoci Suonare, non sapevano se la Darci Pitta Oh, no, perche aspettavano, vieni Tradizione, Il Signor Tommaso. Noi con la Faccia Tosta non ce ne andavamo.-          Non ci spetta del Pane? Abbiamo suonato al Vento?-          Abbiamo suonato e vogliamo la pitta Che ci spetta.-          Ma voi siete chi?-          I Tamburini di San Giuseppe, non e Giusto andar via Farci con le mani vuote.Insomma ci fu ONU Momento di incertezza. Alcuni Anziani erano PRESENTI, intervennero per mediare e AI dissero padroni di casa:-          Siete Sicuri Che Il Signor Tommaso quest'anno passera?-          Se questi ragazzi Hanno suonato per riverire La Tavola Il Santo ed, perche Il Pane spetta al signor Tommaso? Perchè Annone Dateglielo e suonato bene e vi Annone Reso Tanto Onore.Si convinsero e ci diedero la Pitta. Il Pane messo Nelle bisacce, continuammo Il Giro. C'era una strada sottile tavola un'altra e stavolta ci fu la pitta dati Difficoltà Senza alcuna. Arrivati là colomba lo fa Stradale Una curva, del piccolo Detta Ponte, ci fermammo, UN Pezzo di pane e ciascuno  Lo mangiammo, SEDUTI sul Muretto di Protezione del Ponte.Ripreso fiato, ci siamo recati NELLA Via Amato, colomba  Altro meritammo riquadro delle Nazioni Unite. Usciti, ci eravamo diretti verso mA Il Purgatorio, cambiammo Subito strada perche SI Suonare sentiva in lontananza, Salita dell'Orologio Nella, Il Tamburo del signor Tommaso Che, assieme banda musicale alla, Stava accompagnando Gesù, Giuseppe e Maria al Convento per la Celebrazione della Messa. 

 Pigliàmmu di l'acchianata di lu Càrminu[6] e po sbaniddrammu nni la strati di lu trappitu[7] ca cc'era na tàvula. Di Stazzuni lu, un Filìcia la, un Gaitanu San[8] Poni e uno scìnniri, quartera Tutti girammu li e rïuna di Cianciana. Na doppu n'atra tàvula, girammu paìsi lu tuttu. Cc'era cu faciva pi stòrii Darini la pitta, pirchì nun nni canuscìvanu. Ma a li Primi difficurtà, attaccàvamu natri uno lamintàrini ed èramu Pronti uno Fari na vucïata. E li sciàrri Davanti La Porta, la iurnata dati, li patruna di casa avïànu ntressu di lu nun pi astutalli sùbbitu guastari la festa. E cc'era Po sèmpiri quarcunu di li prisenti mittiva Chi l'accordiu. Lu pani intra li vèrtuli iva Pisu facennu cà ss'annata pi lu menu tàvuli Trenta cc'èranu. NTI Tanti stratigrafiche cu nni faciva Setti Santi[9], Cu NNI ottu faciva e cu nni faciva Novi. Lassammu uno iemmu natri e una CA màsciu Masi, appena la finitura missa, SI Misi uno girari li tàvuli. Mbrùmbiti MBRU mbrùmbiti, MMBRU brùmbiti mbrùmbiti. Aspittava e vidennu la tardanza uno da Ricci lu pani:-         O di casa, e la pitta?-         Lu pani? Di cca passaru du Picciotti, e cci lu sunaru dèttimu.-         E porca miseria!Avanti iddru chi fu uno strato mita, nn'arritirammu natri. Iddru NNI iva circannu, addumannannu  un primo piano "tutti èramu e cu nun èramu, pirchì cci ntrissava piscàrini.-         Cu eranu  SSI picciotti, canuscìstivu li?Li Cristiani CCI dicivanu: - Eranu Picciotti du, du scazi "tutti" e cu la Cammisa spumittata. Unu Šuňava e l'atru purtava  ncoddru paru delle Nazioni Unite di vèrtuli._________

Abbiamo Percorso La Salita del Carmine e POI NELLA abbiamo svoltato in via del Frantoio, colomba C'era Una tavola. Dallo Stazzone, Alla Felicia, a San Gaetano e POI uno scendere, girammo Tutti i quartieri e rioni di Cianciana. Una tavola DOPO L'Altra, abbiamo Tessuto Tutto il Paese. C'era chi faceva storie per la Darci Pitta perche non eravamo conosciuti ma Difficoltà Alle prime, Noi cominciavamo uno lamentarci e ci mostravamo Pronti uno Dar vita ad Una lite con grida. Le LITI Davanti la porta di Loro, i dati la Giornata Particolare, i padroni di casa avevano Interesse uno spegnerle Subito, per non rovinare la festa. E POI semper C'era qualcuno dei PRESENTI Che metteva Una Buona Parola per raggiungere Accordo delle Nazioni Unite. Il riquadro Dentro le bisacce pesava perche quell'anno a Paese di Stato erano allestite sempre or Trenta tavole. In molte Strade c'erano tavole di Sette Santi, di otto e di nove. Lasciamo stare me e Gaetano ed occupiamoci del signor Tommaso Quale il, Finita la Messa, cominciò Il Giro delle Tavole. Mbrùmbiti MBRU mbrùmbiti, MMBRU brùmbiti mbrùmbiti. Aspettava e notando il Che tardavano uno dargli Il Pane:-          Signori di casa, la pitta?-          Il riquadro? SONO passati da qui grazie ragazzi, Hanno suonato e glielo abbiamo Dato.-          Porca miseria!Prima Ancora Che Egli Fosse un meta Percorso, Noi eravamo in Fase di Rientro a casa. Egli cercava di trovarci, chiedendo Informazioni uno "tutti", per Sapere chi eravamo e chi non eravamo, perchè aveva uno Interesse Scoprire chi Noi fossimo.-          Chi erano quei ragazzi, li AVETE riconosciuti!Le Persone Gli rispondevano: - Erano ragazzi dovuta, "tutti" e scarpe Senza causa e con la camicia sbottonata. Uno suonava el'altro portava Sulle SPALLE delle bisacce. 

Quannu arrivavu Intra, me mà SI Misi uno chiànciri, Vitti quannu tuttu beddru ddru ncapu lu pani tàvulinu. pani Tantu intra di mia suora ci avia trasutu mai tuttu iòrnu NTA delle Nazioni Unite. Cci parsi na gràziia di Diu. Fu festa Granni. Me Patri, mischinu, SI NNI Piglia Pezzu delle Nazioni Unite e, cu l'Occhi Lucidi, mangia lu SI. Po SI icaru li famigli nti Tanu Pulizzi e pi mangiàmmu pani nzèmmula abbunnatu la prima vota nti la vita. Ddru pani NNI pariva Meli! Si NNI Calava ch'era piaciri delle Nazioni Unite, pinzàvamu mancu uno cubbanàggiu accumpagnallu pi lu.La sira po niscì lu Santu. San Giseppi nisciva sèmpiri tardu di Chiesa e la sira ssa cci fu Tintu Tempu. lu santu Arrivannu uno cantunera la di la mi strati, la prucissïoni SI ferma pi la putenti Acqua, sutta lu ddrocu Càrminu[10]. Ddra vara SI Fici Stari bisugnata vìdiri. Lu lu santu putìvamu tràsiri? Nun lu putìvamu tràsiri uno nuddra Banna Cà cc'èranu na fila di casinò tirrani cu li purticeddri vasci vasci e Stritti Stritti. Lu purtaru NNI la casa a latu Unni mittiva la iumenta don Alissiddru Cincumani. Era na casa cu ONU Arcu aitu[11], Unni la vara putiva Passari. Cuntinüava uno chioviri uno Retini e stisi, SI siccomu Fici tardu, la squatra chi purtava la Vara, cuminciàru uno lamintàrisi:-         Lu pani! Lu pani!Era usanza ca Duranti la prucissïoni, san quannu Giseppi SI firmava, vicinatu lu pani nisciva tagliàtu uno feddri e cci l'offriva aiutalli pi lu NTA sforzu. nuddru ddr'acqua Cu suora s'affacciàva, pinzavu allura: San Giseppi nni Fici sazziari di pani, e ghiustu tantìcchia ca lu pi iddru spinnemmu. Accussì cci lu dissipazione a me amicu:-         TA, UN lu pani pigliàmmu di nti mia e pigliàmmu lu unu di tia nti e cci l'offremmu a porta cu lu santu.-         Bonu mi Pari, Arfò.N FAMIGLIA Tutti foru d'accordu: San Gisippuzzu lu Merita SI. Fiddrammu pizzuddra pizzuddra ddri du pani prummisi e spartemmu lu uno chiddri di la Vara.__________

Quando arrivo a casa, mia madre in pianto diruppe, NEL vedere Tutto tal quale bel riquadro sopra Il tavolo. Tanto riquadro in casa non era mia entrato mai in Tutto Giorno solista delle Nazioni Unite. Le sembrò Una grazia di Dio. Fu grande felicità. Mio padre, poveretto, ne Pezzo Prese delle Nazioni Unite e lo Mangio, avendo Gli Occhi Lucidi. Poi Famiglie SI riunirono Le Due in casa di Gaetano Pulizzi e mangiammo assieme riquadro uno sazietà per La Prima Volta NELLA VITA. Quel riquadro ci sembrava miele! Andava Piacere Vero era giù Che Nazioni Unite, non pensavamo minimamente al Bisogno di companatico per renderlo Più gustoso. A SERA Il Santo fu Portato in processione. San Giuseppe veniva Portato Fuori Dalla Chiesa uno ORA tarda e quella Volta C'era cattivo tempo. Arrivando Il Santo, all'angolo della via colomba io abitavo, la processione fu costretta uno fermarsi per la forte pioggia, proprio "Sotto il Carmine. Il fercolo SI ridusse in Modo da non potersi Descrivere. Potevamo mettere al Riparo Il Santo? Non potevamo ripararlo da nessuna Parte perche era la via delle Nazioni Unite susseguirsi caso di Terrane con le porticine basse e Strette. Allora lo portarono NELLA casa, posta Accanto una colomba metteva la Giumenta don Alessio Cinquenni. Era una casa con arco alto delle Nazioni Unite, il Che consentiva Il Passaggio del fercolo. Continuava uno Piovere uno catinelle e, siccome era SI Fatto Tardi, Gli Uomini Che portavano uno spalla Il fercolo, cominciarono uno lamentarsi:-          Il pannello! Il pannello!Era costumanza Che Durante la processione, OGNI Volta Che san Giuseppe sostava, IL Vicinato prendeva del Pane Tagliato uno fette e lo offriva AI portatori Nello sforzo per sostenerli. Con quella insistente pioggia Nessuno SI faceva vivo, io Allora riflettei: San Giuseppe ci ha Fatto Pane di saziare, e Giusto Che Una Parte la offriamo in Suo Nome. Così dissipazione al mio amico-          Gaetano, il riquadro delle Nazioni Unite lo prendo da Casa Mia riquadro a cura delle Nazioni Unite Prendi tu Tua Casa da e lo offriamo uno chi porta Santo.-          Mi sembra Cosa Buona, Alfonso.Tutti in famiglia furono consenzienti: San Giuseppe Lo Merita. Affettammo uno Pezzetti quei dovuto Promessi pani e li dividemmo AI portatori del fercolo.

Lu nnumani màsciu nirbusu era Masi Ancora cà avïamu cci chiddru livatu chi cci tuccava. Iddru campava vide scarsuliddru, quannu la s'arrangiàva Comuni, d'estati, cci faciva ncagliàri chi li cani giràvanu paìsi lu pi lu e Avia ncàricu di mèttiri l'ògliu nta li lampïuna una Li cantuneri Cà Tannu Ancora la luci di una suora Cianciana c 'epoca. addumanna Addunmanna, Vinni cu èramu uno sapiri unni e stàvamu. Primu ì NTI Gustinu Pulizzi, patri di Tanu.-         Gnuri Gustinu, bisognu di AIU parlàrivi.-         Màsciu Masi, Sugnu ca.Cumincià uno cuntari li Fatti di lu iornu prima, SI pi lamintava la avia avutu PERDITA Chi e vuliva lu pani. Gustinu Fici finta di càdiri di li nèvuli. -         Màsciu Masi, sicuru ca Siti fu fìgliu me?-         Di cca uno Cent'Anni, vostru fìgliu Tantu cu Arfònziu Muntarbanu.Siccomu stàvamu NTA la stessa strati, vìnniru nzèmmula Tutti mia NTI. Me patri comu SI mai di ddru pani SI nn'avissi mangiàtu. Chiamaru uno natri Picciotti nta lu raggiunamentu e nn'addifinnemmu di Manera Bona.-         Veru E. Natri lu fìcimu pitittu pi.-         Avemmu dirittu di Campari Vide.Nzumma na Palora Tira l'atra, Fini màsciu suora Masi ca pi tanticchia Sappi un LU pigliàri Tortu.-         Stu pani di li tàvuli uno vossia cu cci lu Duta?-         La festa e di "tutti" e cu lu sunari Voli cu lu sona tammurinu unni cci pari e piaci.Màsciu Masi SI nn'appi acchianari Senza pani pi comu scinnutu Avia. Pi stu fattu,  L'Anni uno viniri uno Cianciana li tammurinara pi li festi di foru lu paisi tri, màsciu n mezzu Masi, Angilu Muntarbanu, mi Frati, d'latu delle Nazioni Unite e Mìnicu Mpallari di l'atra.__________

L'indomani era Il Signor Tommaso Ancora Nervoso perche Gli avevamo sottratto Il Pane Che Gli spettava. Lui viveva ANCHE TRA stenti, quando guadagnava Qualcosa Il Comune Gli Dava, Durante l'estate, l'Incarico di catturare i cani randagi di Che giravano per Il Paese e aveva l'Incarico di mettere l'olio nia lampioni, posti Agli Angoli delle Strade , in uno Quanto quei Tempi La Luce Elettrica C'era uno Cianciana Ancora non. Chiedi e richiedi, era riuscito uno Sapere chi eravamo e colomba abitavamo. Per prima SI presento A Casa di Agostino Pulizzi, Il padre di Gaetano.-          Il signor Agostino, Ho bisogno di parlarvi.-          Il signor Tommaso, SONO qua.Inizio uno Raccontare I fatti del Giorno Precedente, lamentandosi per la SubITA Perdita e richiedendo la restituzione del riquadro. Agostino fece finta di cadere Dalle Nuvole.-          Il signor Tommaso, Sicuro Che siete Stato e mio Figlio?-          Da qui uno Cento Anni, Vostro Figlio con Alfonso Gaetano Montalbano.Siccome abitavamo NELLA stessa strada, "tutti assieme SI spostarono uno Mia Casa. Mio padre venire se avesse mai mangiato di pane tal quale. Chiamarono Noi ragazzi un lontano Parte del ragionamento e non ci siamo difesi di Buona maniera ".-         Vero E. Noi lo abbiamo Fatto per la fama.-         Abbiamo Il Diritto di paragonare ANCHE Noi.Insomma Una Parola Tira L'Altra, Fini Che Il Signor Tommaso Poco Ebbe per non prendersi uno Il Torto.-          Il riquadro delle tavole uno Voi chi lo ha dotato?-          La festa e di "tutti" e "chi" Vuole Suonare Suonare con Il Tamburo puo colomba Gli pare e quando Gli luogo.Il signor Tommaso ebbe un ritornare sui Suoi passivato Senza riquadro per venire venuto era. A Seguito di tempo condensato Fatto, negligenza Anni successivi uno Cianciana i Tamburini per le feste divennero delle Nazioni Unite del Gruppo di Tre, Il Signor Tommaso uno centro, Angelo Montalbano, mio fratello, da Lato delle Nazioni Unite e Domenico Impallari dall'altro.   



[1] La pitta era rotondo riquadro delle Nazioni Unite da mezzo chilo di Che veniva offerto uno chi suonava Il Tamburo ma ANCHE Alla Gente Che andava uno Visitare La Tavola.

[2] Ciraolo abitava NELLA indirizzo e di telefono Via Messina  47, Il stessa NELLA Montalbano via al NUMERO 50, Il NELLA Pulizzi indirizzo e di telefono Via Cinquemani al NUMERO 1. Le vie Messina e Cinquemani SONO consecutivi e separato Dalla Salita Carubia.

[3] La Tavola nell'attuale epoca  NUMERO 35.

[4] La Tavola era nell'attuale NUMERO 88.

[5] La Curva e quella della Strada Statale 118, il Che Paese attraversa il.

[6] Salita Carmelo.

[7] Via Montalbano.

[8] Stazzone, Felicia e San Gaetano SONO Quartieri di Cianciana, situazioni più NELLA zona est del centro abitato.

[9] La tàvula, Preparata in onore di San Giuseppe aveva venire Principale Momento, Il Pranzo dei Santi: Gesù, Giuseppe e Maria, interpretati da Gente del Paese. Poi Il Raccolto Alimentare, accumulato DAI padroni di casa elemosinando, veniva distribuito uno dei Sette, Otto,  Persone povere Nove.

[10] Angolo TRA Salita Carubia e Via Messina.

[11] Attuale casa sita in via NUMERO Cinquemani 4.

 

di Francesco Cannatella, Pubblicato NEL "Quaderni del Museo Etnografico Siciliano" Il Pitrè ", n ° 30. 

 

 
< Prec.   Pros. >