CIANCIANA.INFO - Il portale su Cianciana by Paolo Sanzeri -Storia, Cultura, Architettura, Turismo, Cronaca ed altro - Il grano, la primavera, il mito.

 

 

 

Home
Advertisement

Libro: Sant'Antonino di Cianciana, storia di una città di nuova fondazione

Advertisement
Advertisement

Chi e' online

Abbiamo 1 visitatore online
Advertisement

Webcam Cianciana

Advertisement
 
...il presente sito è gestito personalmente da Paolo Sanzeri e non usufruisce di contributi privati e pubblici ... . il Museo Civico ha a disposizione il Portfolio con la raccolta: "CIANCIANA: 16 cartoline per la storia di una città". . ..Si da avviso che stiano realizzando nel Museo Civico una nuova sezione archeologica e mineraria, si raccolgono reperti archeologici e reperti provenienti dalle zolfare..., quali cristalli di zolfo, oggetti e attrezzi ed in particolare delle foto.... .. presso il Museo il libro "Sant'Antonino di Cianciana, storia di una città di nuova fondazione" . . . INTERNET POINT gratuito presso il Museo Civico.
 
Advertisement
Advertisement

Cerca

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement

Per l'acqua pubblica

Per l'acqua pubblica
Radio
Radio Capital
Radio Deejay

Immagine casuale

__logo.jpg

Articoli in lingua inglese

Advertisement

Articoli in lingua russa

Advertisement

Mappa interattiva

Advertisement

Festa di San Giuseppe

Advertisement

carta turistica informativa

Advertisement
Il grano, la primavera, il mito. PDF Stampa E-mail
Scritto da Eugenio Giannone   

Il più affascinante mito agrario della classicità è quello di Demetra e Core, che gli antichi Greci hanno pateticamente tentato di far proprio ma che è di chiara origine siciliana.

Ha un significato allegorico e simboleggia l’alternarsi delle stagioni, l’avvicendarsi del dì e della notte, della luce e delle tenebre, la perenne lotta tra bene e male, il trionfo della vita sulla morte.

   La dea Demetra e la figlia Core abitavano al centro della Sicilia, in un luogo d’eterna primavera e il cui intenso profumo ingannava l’olfatto dei cani. Core vi trascorreva amenamente il tempo assieme a Diana ed Atena (che avrebbe in seguito regalato agli uomini l’ulivo, simbolo della pace). Della giovane dea s’invaghisce Ade (o Plutone), che la rapisce conducendola nei Campi Elisi a regnare sui morti. Demetra, disperata, cerca ovunque ma invano la figlia, beneficando i siciliani che l’avevano ospitata col dono del grano; si rivolge infine a Giove, che ottiene dal fratello Ade che la fanciulla trascorra parte dell’anno sottoterra, accanto al marito che ha appreso ad amare, e parte sulla terra che al suo ritorno, in primavera, rifiorisce.

   Quale albero più del mandorlo raffigura il risveglio della Natura?

   Quindi: Demetra rappresenta la terra-madre (De-meter); Core, con nomi diversi, il grano verde, maturo o raccolto e, per il continuo rinascere dei fiori, la vita che trionfa sulla morte. Il frutto del grano, infatti, è alla base dell’alimentazione (=vita) di tutti i popoli mediterranei.

   Credo sia dedicata, almeno nelle origini, a queste divinità ctonie la sagra che si svolge a Cianciana nella notte tra il 31 luglio e il 1° agosto di ogni anno, allorché  in ogni strada vengono messi a cuocere in capienti calderoni fave, ceci, frumento etc, offerti con generoso vino al vicinato e ai curiosi.

 (e.giannone)

 

 
< Prec.   Pros. >