CIANCIANA.INFO - Il portale su Cianciana by Paolo Sanzeri -Storia, Cultura, Architettura, Turismo, Cronaca ed altro - Sarde a beccafico.

 

 

 

Home arrow Cucina/Ricette arrow Sarde a beccafico.
Advertisement

Libro: Sant'Antonino di Cianciana, storia di una città di nuova fondazione

Advertisement
Advertisement
Advertisement

Webcam Cianciana

Advertisement
Advertisement
Advertisement

Cerca

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement

Per l'acqua pubblica

Per l'acqua pubblica
Radio
Radio Capital
Radio Deejay

Immagine casuale

__logo.jpg

Articoli in lingua inglese

Advertisement

Articoli in lingua russa

Advertisement

Mappa interattiva

Advertisement

Festa di San Giuseppe

Advertisement

carta turistica informativa

Advertisement
Sarde a beccafico. PDF Stampa E-mail
Scritto da Paolo Sanzeri   

 

 

Eccezionale. Altro piatto forte della cucina siciliana e, perciò, ciancianese, che si consuma durante tutto il corso dell’anno. Tipico, da noi, soprattutto in occasione della festa di S. Giuseppe e del Venerdì Santo.

 

 

 

 

 

 

 

 

Sample Image

Ingr.:    1 kg. di sarde fresche

             200 gr. di pane grattugiato

            uno spicchio d’aglio

            un ciuffetto di prezzemolo

            un uovo intero

            foglie di alloro

            olio, sale, pepe: q.b.

            un pizzico di bicarbonato

            farina: q.b.

 

Prep.: Squamate le sarde, togliete testa e coda, lasciandole attaccate sul dorso. Preparate, senza farlo indurire il composto di pane con l’uovo, unendo l’aglio tritato finemente, il pizzico di sale, il prezzemolo tritato e il bicarbonato. Prendete un po’ del composto e chiudetelo tra due sarde; infarinate e sistemate i pezzi ottenuti in una pirofila, separandoli con foglie di alloro. Li potete friggere, oppure farli in agrodolce o, ancora, al forno con un po’ di salsa.

 
< Prec.   Pros. >