CIANCIANA.INFO - Il portale su Cianciana by Paolo Sanzeri -Storia, Cultura, Architettura, Turismo, Cronaca ed altro - ACQUA. Referendum, il popolo di Bivona dice no alla privatizzazione.

 

 

 

Home arrow Per l'acqua pubblica arrow ACQUA. Referendum, il popolo di Bivona dice no alla privatizzazione.
Advertisement

Libro: Sant'Antonino di Cianciana, storia di una città di nuova fondazione

Advertisement
Advertisement
Advertisement

Webcam Cianciana

Advertisement
Advertisement
Advertisement

Cerca

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement

Per l'acqua pubblica

Per l'acqua pubblica
Radio
Radio Capital
Radio Deejay
Advertisement

Immagine casuale

__logo.jpg

Articoli in lingua inglese

Advertisement

Articoli in lingua russa

Advertisement

Mappa interattiva

Advertisement

Festa di San Giuseppe

Advertisement

carta turistica informativa

Advertisement
ACQUA. Referendum, il popolo di Bivona dice no alla privatizzazione. PDF Stampa E-mail
Scritto da ComuniC@lo   

16/02/09: Solo 12 hanno votato a favore della privatizzazione dei servizi idrici.

Una risposta plebiscitaria: i cittadini di Bivona hanno espresso univocamente il proprio dissenso alla gestione privata dell’acqua. Nella giornata di ieri più della metà dei cittadini aventi diritto si è recata alle urne nonostante il paese sia stato colpito dalla recente ondata di freddo e maltempo.

 

2.107 i voti contro la privatizzazione, solo 12 quelli a favore. Un dato che indubbiamente fa riflettere e che lancia un forte messaggio alle istituzioni, agli amministratori e agli organi di governo.

 

«Assieme al presidente del consiglio comunale esprimiamo molta soddisfazione per i risultati ottenuti» spiega il deputato regionale Giovanni Panepinto, sindaco di Bivona. «Il numero dei votanti e l’assoluta regolarità delle elezioni con uno svolgimento perfetto (i cittadini si sono presentati con la tessera elettorale per votare) è il segnale che è una battaglia che va da Forza Italia a Rifondazione comunista passando dal Partito democratico: è il popolo, nella massima espressione della democrazia, a volere che l’acqua resti in mano pubblica».

 
< Prec.   Pros. >